:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Biografia di Fulvio Izzo [ sito web ]

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 9140 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 30 19:15:00 UTC+0100 2022

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

 Nato a Pagani (SA) il  07.01.1952, laureato in giurisprudenza e scienze politiche (vecchio ordinamento) presso l’Università degli Studi di Salerno.

Quando ho tempo, scrivo poesie se ispirato, non ho una tecnica particolare perché scrivo di “PANCIA” non cambio nulla anche nel rileggere .

Nel 2005 ho pubblicato il mio primo libro “ La polizia municipale con i cittadini e per i cittadini” per dare una risposta più chiara alle varie tematiche che impongono chiarezza a causa di forvianti interpretazioni e rendere più chiara l’esposizione ai cittadini.

Nel 2006 ho pubblicato secondo libro “Amalfi e i Normanni”, il testo parla del periodo medioevale della grande Repubblica marinara di Amalfi e degli scambi tra oriente e occidente. Eletto libro del mese dalla fondazione Mansutti di Milano.

Nel 2007 ho pubblicato il terzo libro “ La nascita della forma amministrativa del Regno d’Italia, il ruolo della Destra Storica”. Ampia sono la bibliografia e le fonti, il testo parla di tutta l’attività amministrativa attuata, dal periodo pre-unitario e post-unitario.

Nel 2010 ho pubblicato quarto libro “ Ottantavogliadiparlare”. Ottanta storie di persone che si raccontano.

Non amo la sopraffazione, l’arroganza e ancora di più chi dice “tu non sai chi sono io”.
Un grazie a chi mi legge.

 


 

 Dialoga con Fulvio Izzo / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

Nessun commento lasciato