Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Biografia di Genoveffa Morganella

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 999 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 17 16:32:00 UTC+0100 2021

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

La mia poesia, polvere di me tra le foglie scheggiate dal vento"

Mi dispiace, sono una ladra, una ladra di lucciole.
Ladra di emozioni e turbamenti,
li rubo fuori e dentro di me.
Rubo, rubo alla gente che incontro per strada tra i luoghi di incontro.
Vampiro famelico,bevo sangue di vite parallele e convesse,
assetata di linfa a nutrire aride stagioni che devono ancora avvenire
Rubo, rubo la luce nei tuoi occhi che mi guardano,
rubo il calore del tuo tocco sotto la pelle di marmo,
rubo il perverso delle tue labbra sulle mie a renderlo eterno
in versi consacrati agli dei
Sono una ladra,
ma non dono ai poveri di spirito,
solo una ladra di lucciole
ad illuminare i boschi e i campi
nelle notti di luna menzognera.
Sono una ladra, una ladra di lucciole,
luce evanescente divorata d'aurora.

Genni "La Ladra di Lucciole"


 

 Dialoga con Genoveffa Morganella / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

Nessun commento lasciato