Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 132 :: Gli amanti bendati, di Simone Consorti
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=135
Di Simone Consorti
puoi anche leggere:
Data di pubblicazione:
04/04/2013 12:00:00


Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 629 volte

Formato EPUB - 57 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 187 volte


Downloads totali: 816
Ultimo download:
12/11/2019 15:01:00
 
 

# 1 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Loredana Savelli - 06/04/2013 08:50:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Si leggono d’un fiato queste poesie di Simone Consorti, e con un accenno di sorriso. Spesso accade di fermarsi su una rima e riflettere su quanto poco banale sia, quanto autentica. Arguzia, autoironia e un tantino di rabbia, un linguaggio fresco e immediato, originale, paesaggi estivi che fanno da contraltare ad un inverno di ricordi, e annesse nostalgie, affioranti dalla schiuma marina di un amore (o più?) finito.
Simone Conorti è anche narratore e fotografo. Effettivamente la vena narrativa è presente in queste poesie, ciascuna di esse è come un tassello dell’impianto di un unico racconto ritratto, con ottimo occhio, da varie angolature: tutto ciò che si può, e fa bene dire (persino con leggerezza), su un tema poeticamente insidioso, esistenzialmente scomodo e ingombrante.
Un caro saluto a Simone Consorti