:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 848 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 16 21:29:14 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Argento

di GarboFania
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/02/2014 07:45:04

Argento

Che struggente meraviglia, stringimento di cuore  quell’istante che io chiamo Argenteo.

Quando i capelli comincino ad incanutirsi e un po’ ,a diradarsi.Così,colgo lo sguardo di lui, pensieroso ,tra le dita, sulla testa.

Quando la strada sontuosamente diritta ,accusi una biforcazione che le divarichi il sentiero prefissato. Diviene così esile , di sghimbescio, con poco sole e nessuno che ne calpesti il suolo.

Che melanconia il calare della giornata, l’attenuarsi dell’energia e di quello sfrontato brillio, così invadente. Caratteristico di un tempo dinamico e forzato che ora lentamente defluisca. Ne ascolto il respiro,    più lento ,un po’ anziano.

Argenteo è quel momento ,sul finale di un libro amato. Quando si pensi d’esser divenuti parte delle pagine. Ma poi ci si renda conto ,questo, inevitabilmente, di essere all’esterno e solo spettatore; della vicinanza al termine di un mondo parallelo .La fine  o la meta.

 Ben sapendo che la rilettura sarà di un tono diverso, un colore diverso, altre sensazioni, mai simili a quelle trasmesse in questo istante, irripetibile.

 

La cima del cipresso è argentea nel suo piegarsi, lievemente sommessa all’urlo dell’Aria . Allora lì,

 ne colgo la debolezza antica, insieme alla volontà stanca di rialzarsi,ma con fierezza. Resta quella tenera inclinazione,dovuta alla prepotenza del tempo, come un graffio ,una ferita. Io allora amo di più il mio albero così,invecchiato.

Ora,quella dolce morbidezza che scorgo nella  bellezza della Donna. Ormai dolcemente rassegnata, inevitabilmente pesante di vita. Il mio ricordarla quando, intrisa di agile bellezza, rideva ,mostrando il fianco. Ora teneramente basso,soffice,sofferto.

Questi i momenti, quelli del passaggio,  quelli grigi dell’accettazione, quelli brillanti vella sfioritura.

I declini, le dolcezze, le mansuetudini di quel pezzo di Vita che precede il tramonto.

Amo e temo ,forse tremo.

@GarboFania


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore GarboFania, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.