:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1991 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 6 21:52:07 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Llandin - Misty Star

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/08/2012 20:41:12

Si potrebbe affittare una sbarra
al cancello di Buckingham Palace
dall’alba alle dodici e trenta.
I bambini strisciando s’insinuano
tra gambe pelose, panta-collant e jeans
lacerati. Inciampo, mi attacco a una sbarra
con tremore e prodezza, facendola mia.
Un  bimbo è vicino al papà ebreo ortodosso -
spiccano peot dorati su testa pelata.

Chissà se la sera, spogliati e senza cappello,
il loro guardarsi allo specchio, o grattarsi, o
sospendere la mente a un qualche soffitto
di luce più chiara dei loro ricordi
avrà la mia stessa valenza.
Chissà.
(Non indossano il volto i bambini.
Neanche Dio. Credo.)

Infilo la testa tra le sbarre per sentirmi
proprio all'interno - come quel turista bambino
a cui era rimasta incastrata e hanno dovuto
chiamare un fabbro - e dire in inglese
“fabbro”, “paura”, “seghi piano!”
non era stato semplice - il bambino
era molto spaventato , gridava,
insomma era stato imbarazzante.

Dunque si annuncia l’arrivo
delle Guardie della Regina a cavallo.
10:45: vibrazione
leggera dell’aria quasi mai calda di London.
Movimento a onda di sguardi, teste,
palloncini, verso St James’ Park.
Sospensione dell’aria in un granello
di polvere di tempo. Poi tamburo solenne
very proudly tamtamma: ecco
su altissimi horses
le Queen’s Guards incedere compunte -
ma sotto i baffi, o comunque sia,
amused, I guess.

Nel trillo di gioia che segue mi chiedo:
“se hanno bisogni o impellenze che fanno?”
“ah già, sono educati per questo”, mi dico.
“sì ma come?”. No answer.
Trattengono. Tamtamma il suono
ripetuto e rulla la folla coi tamburi.
Si prolunga nel vento. Entrano le giubbe
rosse come il sangue, come il corallo,
sull’ampio cortile dove sbuca la mia testa.

Non muovo la faccia perché se rimango
così è come esserci dentro, a cavallo.

Si fronteggiano al cambio le sentinelle:
tam tam ratatam, tam tam ratatam!
Ma poi, che buffo (how weird), una musica
swing avvolge la folla che smette
di masticare, belare, gridare, muggire -
una melodia di famous englih songs
ci incorona. Ma no, sono le tradizionali
marce militari! Che bello, non credo
di essere la sola pelle d’oca con occhi
lucenti. E loro, la band, assolvono
il duty con maestosa ironia, con la fragranza
di chi usa le armi ma solo per finta.

Allora mi dico non sono le guardie.
No.
Non sono i cavalli o i cipressi d’orso in testa.
No.
Che mi hanno sempre sconvolta.
No.
NO NO NO
E’ puro London pride, la gente lo sa.

E le strade ubriache la sera di people strabrilla -
E la tube che scorre densa di odori di gente -
Che puzza, profuma, si lava, si sciacqua, si droga -
Si è appena bucata o ha fatto l’amore -
O magari ha letto Spencer o Keats amando riamata:

Scorre con Londra teatrale, sporca, musicale -
si scioglie e si sciacqua i panni nel Tamigi la folla
di ombre di maschere -
stravolte
come il volto di marmo di Queen Elisabeth
a Westminster Abbey - o come le fanciulle
azzurre di Renoir alla National Gallery.

E non so cosa dire o cosa pensare.

Mi perdo affamata di luci che cancellano
l’orrore dei soli, dei semicadaveri buttati
sulle strade, nella glamorous London by night.
Il British Museum è schiuma di gente.
Una nube di china dipinta in Giappone
è pietra e si sfalda.
Così io.
Né solida né fluida.

Smarrita.

Druidica Llandin, Londinium romana,
Londra originaria - finalmente mi appari
tra acque cristalline, dove il sangue
è stato ritualmente purificato dal fiume.

Torcia che corri sull’eco invisibile del Tamigi -
su giubbe rosse, bus rossi, cabine rosse,
bruci e scaldi consumando nella fiamma
ogni sete ogni voglia ogni immondizia.

E Amleto il saggio e folle principe di Danimarca -
dal Bardo naturalizzato “ english forever ” -
sbircia dietro gli occhi curiosi del bambino
che spreme ketchup sul panino macdonaldiano,
si arrampica sulla cupola di St Paul’s Cathedral
guardando in giù nel bar affollato dietro la navata,
poi spicca il volo nel plumbeo cielo, among the clouds …

Se ne va Amleto con una smorfia triste al convento
a farsi appassionatamente amare. Ce l’ha fatta poi con lei.

Sulle sponde del Tamigi li vedo e li invidio,
i due immortali. Non mi degnano di uno sguardo.

Un' ultima volta, un' ultima volta
lo guardo, il dolce principe.
Lo saluto.
Waving my hand softly, softly.
“Good-night, sweet prince;
And flights of angels sing thee to thy rest.”




Llandin significa "luogo di alta spiritualità", da "llan" = sacro e "din" = alto, spirituale (riferito ad un luogo). Va notato come il nome attuale, London, ricordi molto le radici originarie.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore cristina bizzarri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Forse un sentire scrupoloso (Pubblicato il 19/02/2021 09:19:15 - visite: 122) »

:: Controcanto - con e per Laura Turra (Pubblicato il 02/02/2021 07:34:41 - visite: 73) »

:: La luce adesso è chiara (Pubblicato il 31/01/2021 17:59:45 - visite: 107) »

:: Way out - Una rosa rossa per l’immacolata (Pubblicato il 08/12/2020 20:00:00 - visite: 264) »

:: In tue ombre (Pubblicato il 23/10/2020 09:21:51 - visite: 156) »

:: Gocce (Pubblicato il 17/10/2020 10:29:02 - visite: 149) »

:: Masticando (Pubblicato il 30/09/2020 15:26:55 - visite: 230) »

:: Se non per stelle e per lumati chiostri (Pubblicato il 30/08/2020 19:58:43 - visite: 207) »

:: Bliss (Pubblicato il 31/07/2020 10:00:14 - visite: 304) »

:: I giorni di Dio (Pubblicato il 21/07/2020 14:48:50 - visite: 264) »