:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 834 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 14 02:06:20 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’interruttore del mondo

di Luc Laudja
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/11/2012 11:48:09

Ho un tal casino in testa, che una discarica a confronto è il posto più ordinato del mondo.”

Così esordì non appena la vide, si voltò, si sedettero su quella vecchia panca isolata - che chissà per quale motivo stava lì - di colore verde spento, anche lei non ce la faceva più e, come per incanto, diventò giorno - alle tre di notte.

Non riuscirono a spiegarsi come, in tutta una vita, anzi in due vite, non avessero mai provato l’emozione di cambiare le leggi del tempo e dell’universo, eppure era semplice, bastava sedersi su una panca di colore verde spento che non aspettava altro che qualcuno si adagiasse su di lei per provare, finalmente, il suo vero fine, la sua modesta, piccola, insignificante utilità nella vita dell’universo umano, essere il pulsante del giorno e della notte, della luce e del buio e, volendo, della vita e della …

 

Così, seduti sull’interruttore del mondo, in una notte/giorno come mai prima, e forse neanche dopo, leggeri e volanti nel cielo delle idee nascoste, con la stessa naturalezza delle stelle quando, a fine giornata, la sera escono, decisero l’uno per l’altra che da quel momento nulla sarebbe stato più uguale a prima, tutto poteva essere cambiato, migliorato o annullato, colorato o seppellito, il brutto bello ed il bello meglio.

 

TUTTO, tre lettere combinate in modo tale da chiudere entro sé stesse ogni spazio ed ogni tempo, ogni vita ed ogni pensiero, del passato e del futuro, sopra sotto e dentro di noi. Tutto, come niente, era nelle loro mani ma, non potendo, pur tralasciando qualcosa, essere anche nelle loro menti, per un antipatico rapporto massa-scienza-coscienza che pendeva a loro sfavore, preferirono divagare, distrarsi, chiudere gli occhi, per far sì che niente, come tutto, si mettesse in ordine, ordinatamente, correttamente, responsabilmente, saggiamente, civilmente e pacificamente, ogni cosa e non cosa doveva avere il tempo ed il modo di ritrovare il suo posto, la sua origine, il punto di equilibrio con il resto in movimento.

 

Se avessero saputo prima che bastava un attimo distrarsi dal proprio ego per ottenere una composizione così sublime e perfetta, tanto inarrivabile dalla mente umana quanto, dalla stessa, alienabile per gioco.

 

Temendo di spegnere la luce, e tutto il resto, decisero di non muoversi mai più da lì …

...

...

...

ma qualche stronzo, ...

...

...

...

...

...

staccò la spina.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luc Laudja, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luc Laudja, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Le non ragioni del male (Pubblicato il 13/11/2012 20:19:15 - visite: 764) »

:: Senza freni (Pubblicato il 06/11/2012 18:59:54 - visite: 853) »