:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2012 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 21 11:03:52 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La bufala sulla mozzarella di bufala

Argomento: Alimentazione

di Catello Nastro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/03/2010 12:17:21


- LA BUFALA SULLA MOZZARELLA DI BUFALA



Molti non sanno che prima di fare il poeta e lo scrittore, facevo il critico d’arte, l’esperto di antiquariato, prima ancora facevo il professore ( ad alcuni delle elementari quando studiavo all’Università, poi nelle Scuole Medie ed anche negli ultimi corsi abilitanti. In parole povere ho avuto alunni di nove anni ed alcuni che oltrepassavano i sessanta). Prima ancora di fare il professore facevo lo studente universitario e per pagarmi gli studi all’Università Federico II* di Napoli, studiando di notte, di giorno lavoravo nel caseificio di mio padre che produceva delle mozzarelle di mucca che erano migliori di molte mozzarelle di bufala ( o quanto meno presunte tale) che si producono ai nostri tempi. Oltretutto sono anche un buongustaio e penso che nella mia vita (dopo il latte materno sono passato subito ai latticini perché prodotti parimenti in casa) ho gustato circa ventimila mozzarelle. Pensate che verso la metà degli anni ’70, quando insegnavo in Piemonte, comperavo i bocconcini ( di latte vaccino, naturalmente) al mercato di Porta Palazzo perché costavano la metà di quelli venduti sotto casa. E con un solo stipendio risparmiare si può, anzi si deve. Trentatre bocconcini di trenta grammi l’uno costituivano un chilo esatto, ma il commerciante, che era pugliese, me ne metteva sempre uno in omaggio e si arrivava a trentaquattro. Era quasi l’una e c’era traffico ed io avevo pure fame. Allora avevo l’Alfetta bianca con l’autoradio. Musica, traffico e appetito. Aprii la busta dei bocconcini e ad ogni semaforo o ogni ingorgo me ne mangiavo tre o quattro. Arrivato sotto casa di bocconcini ne era rimasto uno solo e quindi non mi potevo presentare da mia moglie con un mozzarella grossa come un uovo di colomba. Mangiai pure quello e salii a casa. “Hai portato i bocconcini?” disse mia moglie. Bugiardo, le risposi che me n’ero dimenticato, ma che non avevo fame. Si arrangiò con un uovo fritto.

Questa è la premessa. Oggi si parla di mozzarella di bufala annacquata. Ma è il cervello di certi giornalisti che è annacquato. Cercano lo scoop, ma spesso sono male informati. Una buona mozzarella di mucca che pascola la fresca erbetta del Tavoliere delle Puglie, fatta ad arte, è più gustosa di una cattiva mozzarella di bufala alla quale viene fatta una alimentazione a dir poco anomala. Nella Piana del Sele questo naturalmente non avviene perché l’inquinamento del suolo e delle acque, fortunatamente, non è ancora arrivato. Ma più a nord della nostra cara penisola, che ha riempito le pagine dei giornali con la parolaccia “diossina” o discariche abusive ed inquinanti questo fenomeno può verificarsi. Ed allora è preferibile mangiare una buona mozzarella di mucca si fa l’erba naturale e non quella della bubbazza. Non cito nomi per non fare pubblicità gratuita ma vi posso assicurare che non tutte le mozzarelle di bufala sono uguali. Dipende anche dalla “salsina o salsetta” che è il liquido di governo, da non confondere col denaro contante sperperato da alcuni politici di governo. La mozzarella di mucca, detta anche e meglio fior di latte, che si produceva cinquanta anni fa non era come quella che si produce adesso. Il problema, come sempre, sta all’origine. Se l’alimentazione del bovino è naturale il prodotto è eccellente e viceversa. Sia la mozzarella di bufala che quella di mucca sono ottimi prodotti solo se l’alimentazione del quadrupede è naturale. Sarebbe il caso di dire che meglio mangiano loro, meglio mangiamo pure noi. La mozzarella di bufala annacquata è una bufala! E quella di mucca annacquata è…una vaccata!



Catello Nastro







« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Catello Nastro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Catello Nastro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Omaggio a Santa Maria la Carità (Pubblicato il 13/12/2014 16:46:06 - visite: 963) »

:: [ Religione ] IL GRANDE TEMPIO Un edificio polifunzionale, multietnico, mu (Pubblicato il 08/10/2014 11:44:07 - visite: 656) »

:: [ Cultura ] Guida Turistica di Agropoli (Pubblicato il 13/04/2013 22:13:34 - visite: 1349) »

:: [ Società ] bUONA pASQUA 2013 (Pubblicato il 29/03/2013 22:35:47 - visite: 1355) »

:: [ Società ] Interessante evento ad Agropoli (Pubblicato il 01/02/2013 22:13:27 - visite: 1057) »

:: [ Letteratura ] a (Pubblicato il 22/11/2012 11:37:44 - visite: 1174) »

:: [ Arte ] La scomparsa del M° Ernesto Camerlingo ad Agropoli (Pubblicato il 20/10/2012 23:07:58 - visite: 1387) »

:: [ Arte ] Un dipinto di Paolo De Matteis ad Agropoli (Pubblicato il 13/09/2012 22:43:08 - visite: 1500) »

:: [ Arte ] Ritaa Dipino al Giffoni Film Festival (Pubblicato il 21/07/2012 01:00:44 - visite: 1339) »

:: [ Società ] Agropoli bella più che mai!!! (Pubblicato il 06/06/2012 22:38:13 - visite: 1525) »