Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 662 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 24 09:25:58 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Estratto Capitolo 10 ’Forse è solo vita’

di Enrico Nottoli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/12/2014 00:11:07

Non capii bene cosa intendesse. La curiosità mi assalì, tanto che dieci alle nove ero già a sedere sulla panca della piazzetta in mezzo alle vie del paese. Non era una cosa da me, sono sempre stato un ritardatario. Avevo parcheggiato il motorino proprio lì a fianco e stavo rileggendo il messaggio, cercando di capire cosa intendesse. Non trovavo risposta. Ovviamente nel frattempo continuavo a ripensare alla ragazza della chiesa, da quando la vidi (o forse anche prima) non smisi mai un attimo di farlo, né quando facevo la doccia né quando mangiavo, né quando scrivevo.

Era un continuo.

Rimasi lì ad aspettare per almeno una quarantina di minuti. Alle nove e mezzo sentii delle persone che ridevano e si diri- gevano verso il posto dove ero io. Dalla discesa adiacente alla piazzola vidi scendere Alessandro. Poi appena lui mi raggiunse sbucarono due ragazze. Una delle due l’avevo ammirata la mat- tina stessa in chiesa. Non potevo crederci, non stavo in me. Un sogno. Averle dedicato ogni singolo pensiero nell’arco di una giornata e poi vedersela apparire dal nulla.

Indossava una polo rossa con il risvolto del colletto beige. Portava al collo una collanina d’argento con scritto Selene. Capii che era il suo nome. Poi un paio di pantaloni che richiamavano il colletto della maglia, e delle scarpe color crema. Si sapeva vestire. Aveva i capelli legati da un elastico nero e leggermente addolciti con della schiuma che li aveva resi voluminosi, molto mossi e con un sensuale effetto bagnato. Di solito preferivo le ragazze con i capelli sciolti, ma quella sera mi parevano perfetti anche raccolti in una coda. Non mi spiego come, eppure ogni volta che vedevo quella ragazza, mi piaceva sempre di più, sem

pre più bella. Impossibile. Come faceva? Non lo so, ma era così. Selene eri meravigliosa, meravigliosa in ogni tuo momento sprecato, in ogni gesto lascivo lasciato andare con leggerezza verso chissà chi, forse un ignoto che non avrebbe nemmeno no- tato quanto tu fossi bella, forse un altro già ucciso nello stesso momento nato e morto in cui uno sguardo può dire mille parole e mille parole non valgono uno sguardo. Tu eri meravigliosa camminando, passandoti la mano fra i capelli, tenendo il volto stretto a terra. Eri meravigliosa e meravigliosa lo sarai adesso,chi sa dove. Chi sa dove. Dove sei? Dove sei...

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Enrico Nottoli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Enrico Nottoli, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Periferia (Pubblicato il 10/12/2014 23:08:20 - visite: 850) »

:: Estratto Capitolo 21 ’Forse è solo vita’ (Pubblicato il 03/12/2014 00:28:04 - visite: 583) »

:: Action man (Pubblicato il 03/12/2014 00:19:14 - visite: 678) »