:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1348 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 6 21:54:15 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Alla Stazione del noce

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/04/2014 22:34:56

Nel sacro cerchio dell'assenza
splende  invisibile il ricordo,
come nascondesse quel che svela,
dove noi siamo più vuoti,
il suono bianco di una lingua

dentro il tocco dell'aria:
anima e corpo in una tazza
d'acqua fresca, che torna alla sua terra,
chinando il capo,  nelle mani di Dio.


Nel gesto nudo e vedente insieme
possiamo prendere respiro

da quell’albero nero della notte
filtra ancora un sole come argento,
il silenzio da cui affiori,
si posa sui tre pini, e  sul tuo noce,
in questa sera umile, la pace.

 

Nel distante odore che m’invade,

io ti ascolto.  e un poeta è l’albero

-al centro della sua figura le pupille-

bastone segreto e testimone estremo 
impregnato di visione,
come dopo un lungo viaggio,
quando rimane il tempo leggero sulle braccia
senza vestiti e il ventre magro, alla stazione,
fradicio di gioia , dell'amore fatto,
che batte nel cervello come un polso
quando in cielo, la stessa ora di ogni sera,

c'è una nuvola, nello stesso punto,
che cambia solo  di colore,
fino a perdersi, nel  bianco più lucente

è una casa senza peso e di preghiere
un lungo lascito di sogni,
che confonde l'immortalità della ferita
con l'imminenza della Pasqua,
spezzando  il pane- come una prima madre
che divide la notte dal suo latte
mantenendo solo il seme al buio-
per ripartire da tanti anni fa,
con i sassi sotto i piedi e le farfalle
nel midollo, senza sosta, e nel sorriso
 
Tutto va alla foce di quegli occhi neri

nel restituirne la bellezza,
per come segue, nella  luce,

se tocchi questo muro della pelle,
tolta l'acqua che ho negli occhi adesso,
vedi che si muove ancora il giorno,
che risorge  sulla creta  dei sentieri
per mostrarsi nell'intero della voce-

se  solo tu conosci il timbro
e il sogno gonfio della Pasqua.

Lassù condurrò il babbo, sotto il  noce,

a respirare come figli piccoli. 
Tornerai nel vento

a fermare le sue lacrime,
nel punto esatto dove nonna
coltivò la tua placenta, con un fiore.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Molta notte di una donna (Pubblicato il 05/02/2024 11:18:29 - visite: 112) »

:: Ogni coppia è un angelo (Pubblicato il 19/01/2024 23:40:17 - visite: 123) »

:: La grazia della cenere (Pubblicato il 16/01/2024 21:19:30 - visite: 74) »

:: Haiku (Pubblicato il 06/01/2024 21:10:51 - visite: 114) »

:: Nell’umida coppa dell’ epifania (Pubblicato il 04/01/2024 21:33:13 - visite: 109) »

:: Io ti starei in pancia , figlio mio (Pubblicato il 21/12/2023 23:43:13 - visite: 142) »

:: Il silenzio e sacro vuoto del Natale (Pubblicato il 06/12/2023 00:32:43 - visite: 161) »

:: Come va con il dolore. bellaluce (Pubblicato il 01/08/2023 11:13:39 - visite: 212) »

:: Trenta petali ( haiku ) (Pubblicato il 03/03/2023 22:46:44 - visite: 304) »

:: L’assoluta (Pubblicato il 26/02/2023 21:26:52 - visite: 240) »