:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 757 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 7 07:47:35 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’ombrello

di Antonino Cervettini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/12/2014 12:24:48

Ora sì, mi è parso di avvertire una goccia. Stavolta l'ho sentita, ne sono quasi certo. O forse no. Forse era solo una mia impressione. Non vedo ombrelli aperti.

Se stesse davvero cominciando a piovere qualcuno aprirebbe l’ombrello e allora si capirebbe che sta piovendo seriamente. Ma nessuno ha ancora aperto l’ombrello.

Che stiano aspettando tutti che lo faccia un altro? Lo capisco, nessuno vuole essere il primo.

No, non piove.

O almeno non abbastanza per giustificare l’ombrello aperto.

Sotto la luce del lampione vedo delle rade gocce che esitano a venire giù, quasi consapevoli del destino che le attende. Spiattellarsi ineluttabilmente sul freddo selciato e lì giacere calpestate da frettolose, indifferenti suole.

Se almeno non avessi deciso di portarmi appresso l’ombrello adesso non starei a rovellarmi sul da farsi.

Se uno cammina senza ombrello che gli si può dire? Tutt’al più, attento che sta per piovere.

Ma se l’ombrello ce l’hai sei esposto a ogni genere di osservazioni.

Per esempio: che te ne fai dell’ombrello se non piove?

Oppure: piove e ti trascini appresso l’ombrello chiuso?

O ancora: ma cosa lo apri a fare l’ombrello se non sta piovendo?

Che stress! La gente è sempre pronta a impicciarsi dei fatti degli altri e a rendere loro la vita un vero inferno.

Allungo il passo dilaniato dagli interrogativi, devo fare ancora un bel po’ di strada.

Quando chiudo la porta di casa ormai la sta mandando giù a secchiate.

Sono fradicio, bagnato da capo a piedi.

Ma non avevi l’ombrello, mi chiede attonita mia moglie.

L’ho regalato a un tale, rispondo finalmente felice.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Antonino Cervettini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Antonino Cervettini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Austerity e Shoah (Pubblicato il 30/12/2014 23:01:50 - visite: 774) »