:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1642 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 22 12:14:22 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Genova

di Dino Campana 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/06/2014 18:29:07

Genova   Poi che la nube si fermò nei cieli Lontano sulla tacita infinita Marina chiusa nei lontani veli, E ritornava l'anima partita Che tutto a lei d'intorno era già arcanamente illustrato del giardino il verde Sogno nell'apparenza sovrumana De le corrusche sue statue superbe: E udìi canto udìi voce di poeti Ne le fonti e le sfingi sui frontoni Benigne un primo oblìo parvero ai proni Umani ancor largire: dai segreti Dedali uscìi: sorgeva un torreggiare Bianco nell'aria: innumeri dal mare Parvero i bianchi sogni dei mattini Lontano dileguando incatenare Come un ignoto turbine di suono. Tra le vele di spuma udivo il suono. Pieno era il sole di Maggio ... Sotto la torre orientale, ne le terrazze verdi ne la lavagna cinerea Dilaga la piazza al mare che addensa le navi inesausto Ride l'arcato palazzo rosso dal portico grande: Come le cateratte del Niagara Canta, ride, svaria ferrea la sinfonia feconda urgente al mare: Genova canta il tuo canto! ... Entro una grotta di porcellana Sorbendo caffè Guardavo dall'invetriata la folla salire veloce Tra le venditrici uguali a statue, porgenti Frutti di mare con rauche grida cadenti Su la bilancia immota: Così ti ricordo ancora e ti rivedo imperiale Su per l'erta tumultuante Verso la porta disserrata Contro l'azzurro serale, Fantastica di trofei Mitici tra torri nude al sereno, A te aggrappata d'intorno La febbre de la vita pristina: e per i vichi lubrici di fanali il canto Instornellato de le prostitute E dal fondo il vento del mar senza posa, ... Per i vichi marini nell'ambigua Sera cacciava il vento tra i fanali Preludii dal groviglio delle navi: I palazzi marini avevan bianchi Arabeschi nell'ombra illanguidita Ed andavamo io e la sera ambigua: Ed io gli occhi alzavo su ai mille E mille e mille occhi benevoli Delle chimere nei cieli... Quando, Melodiosamente D'alto sale, il vento come bianca finse una visione di grazia Come dalla vicenda infaticabile De le nuvole e de le stelle dentro del cielo serale Dentro il vico marino in alto sale,... dentro il vico ché rosse in alto sale Marino l'ali rosse dei fanali Rabescavano l'ombra illanguidita,... Che nel vico marino, in alto sale Che bianca e lieve e querula salì! "Come nell'ali rosse dei fanali Bianca e rossa nell'ombra del fanale Che bianca e lieve e tremula salì..." - Ora di già nel rosso del fanale Era già l'ombra faticosamente Bianca... Bianca quando nel rosso del fanale Bianca lontana faticosamente L'eco attonita rise un irreale Riso: e che l'eco faticosamente E bianca e lieve e attonita salì... Di già tutto d'intorno Lucea la sera ambigua: Battevano i fanali Il palpito nell'ombra. Rumori lontani franavano Dentro silenzii solenni Chiedendo: se dal mare Il riso non saliva... Chiedendo se l'udiva Infaticabilmente La sera: a la vicenda Di nuvole là in alto Dentro dal cielo stellare. ... Al porto il battello si posa Nel crepuscolo che brilla Negli alberi quieti di frutti di luce, Nel paesaggio mitico Di navi nel seno dell'infinito Ne la sera Calida di felicità, lucente In un grande in un grande velario Di diamanti disteso sul crepuscolo, In mille e mille diamanti in un grande velario vivente Il battello si scarica Ininterrottamente cigolante, Instancabilmente introna E la bandiera è calata e il mare e il cielo è d'oro e sul molo Corrono i fanciulli e gridano Con gridi di felicità. Già a frotte s'avventurano I viaggiatori alla città tonante Che stende le sue piazze e le sue vie: La grande luce mediterranea S'è fusa in pietra di cenere: Pei vichi antichi e profondi fragore di vita, gioia intensa e fugace: Velario d'oro di felicità È il cielo ove il sole ricchissimo Lasciò le sue spoglie preziose E la Città comprende e s'accende E la fiamma titilla ed assorbe I resti magnificenti del sole, E intesse un sudario d'oblìo Divino per gli uomini stanchi. Perdute nel crepuscolo tonante Ombre di viaggiatori Vanno per la Superba Terribili e grotteschi come i ciechi. ... Vasto, dentro un odor tenue vanito Di catrame, vegliato da le lune Elettriche, sul mare appena vivo Il vasto porto si addorme; S'alza la nube delle ciminiere Mentre il porto in un dolce scricchiolìo Dei cordami s'addorme: e che la forza Dorme, dorme che culla la tristezza Inconscia de le cose che saranno E il vasto porto oscilla dentro un ritmo Affaticato e si sente la nube che si forma dal vomito silente. ... O Siciliana proterva opulente matrona A le finestre ventose del vico marinaro Nel seno della città percossa di suoni di navi e di carri Classica mediterranea femina dei porti: Pei grigi rosei della città di ardesia Sonavano i clamori vespertini E poi più quieti i rumori dentro la notte serena: Vedevo alle finestre lucenti come le stelle Passare le ombre de le famiglie marine: e canti Udivo lenti ed ambigui ne le vene de la città mediterranea: Ch'era la notte fonda. Mentre tu siciliana, dai cavi Vetri in un torto giuoco L'ombra cava e la luce vacillante O siciliana, ai capezzoli L'ombra rinchiusa tu eri La Piovra de le notti mediterranee. Cigolava cigolava cigolava di catene La gru sul porto nel cavo de la notte serena: E dentro il cavo de la notte serena E nelle braccia di ferro Il debole cuore batteva un più alto palpito: tu La finestra avevi spenta: Nuda mistica in alto cava Infinitamente occhiuta devastazione era la notte tirrena.   They were all torn and cover'd with the boy's blood

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore cristina bizzarri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non è che un insieme di parole , di (Pubblicato il 22/06/2023 15:14:54 - visite: 459) »

:: Come una scultura di A. Pomodoro e altre poesie , di Cristina Bove (Pubblicato il 15/11/2014 10:42:23 - visite: 1576) »

:: La madre - con saggio di Dottori , di Ungaretti (Pubblicato il 12/04/2014 18:31:42 - visite: 1578) »

:: À l’improviste , di cristina bizzarri (Pubblicato il 31/08/2013 16:35:39 - visite: 1320) »

:: Gli dice addio la luna se tra i rami , di cristina bizzarri (Pubblicato il 26/05/2013 16:49:18 - visite: 1549) »

:: rrr , di (Pubblicato il 26/05/2013 16:24:40 - visite: 1290) »

:: L’ane guide lucide , di Philippe Briffaut (Pubblicato il 11/11/2012 19:55:59 - visite: 1587) »

:: Negative love - L’amore negativo , di John Donne (Pubblicato il 10/06/2012 10:39:16 - visite: 3467) »

:: Negative love , di (Pubblicato il 09/06/2012 20:32:11 - visite: 1237) »

:: Emily , di cristina bizzarri (Pubblicato il 16/12/2011 21:42:35 - visite: 1684) »