:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 879 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 14 20:59:02 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ballata avvelenata - Scherzo

di Maria Teresa Schiavino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/06/2014 22:27:15

Geldra mi uccide, e niuno viene meco

A rigettar gli umori neri al varo

Bieco che fu, di nostra ordalia impreco

E il tempo e il loco, eppur mi resti caro.

 

Né tu sarai più là, ov’io mi reco

Terre di vampa et luci ed aspre faci

Pur s’io ritenga ancor di forza spieco

Puete sortir purpuree nuove braci.

 

Ove sarò, tra genti strane et apre

Tra suoni di novelle lingue astruse

Ad obliar mea speme e mei desastri

Nel vorticar di fabule confuse

 

Tu non sarai, et il disio si spande

Invano supra Zefiro che spira

Ver l’Oriente encloso di suoi blandi

Cirri, a sparger d’esso seme ignari amanti.

 

E sia così. Avverossi che tiene

Auspicio allato di mia ombra abbranco

Di stregone che un dì di biondo crine

Divinò, nelle ligne della manca

Mia mano essere iscritto un rio destino:

 

sempre avvenir colà dove sprangata

siavi una porta, e fuori io resti ascritta

unquemai io non paghi il mio riscatto

al mago, et il ne porga a me rescritto.

 

Tutttavia se d’orgoglio fui figliata

Il dì dois de lo mes lo più vegliardo

Per un matre e un patre apparentati

D’un amor che si tenne ognor gagliardo

 

Io affermo innanzi tutto lo creato

Non esservi ancor mago che qui impugni

Sua arti nigra a mio furor irato

Di ognora dover pigliar commiato.

 

Che se lui versi ancor di sua gramigna

Ne lo mio campo appena seminato

Quivi agirò, come lo mio antenato

Agì contro lo mesmo fato arcigno

 

Lo gesto di rescrivere mia sorte

A novo in su le ligne de la mano

Cassando il mago e tutte le sue sorti

E d’un solo butto  tutti li suoi torti

 

Né di te mi farò plus sangre acrore

Di quanto siasi al dì d’oggi maligno,

 che lo silenzio intra li amanti è d’oro

quando risuoni chioccia la parola

 

Cosicché a core lieggio mi diparto

Dopo lo spiego quivi del mio duolo

Verso i liti più provvidi di Astarte

Ov’altra ancor favella mi consoli

 

E ti sia caro ancor lo mio memento

Ti sia compagno il dire che non dissi,

e quando ristorata sia la mente

di tutte carte vane che un dì scrissi

 

Novello tempo rinnovelli i ditti,

Astro schiarisca i cieli ov’io ripari

unde ritorni a me, che ancor lo fissi,

Più che l’amore, l’estro de’ mie Lari

 

Estro e non astri. Astragali alle ortiche

Et il volere più che il lacrimare.

Che sia la sorte giammai più inimica

E maraviglia ognora mio compare.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Teresa Schiavino, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Teresa Schiavino, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Poesia di paesaggio (Pubblicato il 29/12/2016 16:08:40 - visite: 594) »

:: Attesa (Pubblicato il 29/10/2016 11:28:07 - visite: 538) »

:: giorni feriali (Pubblicato il 15/09/2016 14:51:11 - visite: 648) »

:: Alba pratalia (Pubblicato il 07/11/2014 19:08:52 - visite: 821) »

:: Confusione (Pubblicato il 29/10/2014 19:42:02 - visite: 684) »

:: il raggiante avvenire (Pubblicato il 29/09/2014 18:28:27 - visite: 838) »

:: Le parole la lenza (Pubblicato il 12/09/2014 14:42:09 - visite: 856) »

:: Paesaggio marino (Pubblicato il 28/08/2014 15:49:39 - visite: 806) »

:: In una chiesa rupestre di Matera. Contrappunto a F. Innella (Pubblicato il 22/08/2014 13:10:20 - visite: 864) »

:: Agosto (Pubblicato il 18/08/2014 13:33:43 - visite: 832) »