:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1116 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 18 14:17:59 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Con gli occhi d’acqua

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/07/2014 21:10:50

 

Non c’è altro che luca nel cielo

come il suo nome per terra..

In mezzo ci siamo  noialtre

e giovani piedi le orecchie / un velo del corpo

in un luogo che sembra fermarsi

                                            a una cena segreta,

e come in un altra lingua pregare

lo spazio di gioia nella risata

senza alfabeto, che lo innalzi protetto

per farlo addormentare almeno l'erba,

dove piega i lembi della veste

quasi con le palpebre

nei pozzi intraducibili di chi muore

 

a kurskaya kosà. si racconta

della foresta che danza

lungo le piste di sogni, e di un albero

come un violino, il dentro di un uomo

che viene che va tra gli anelli e ogni volta

aggiunge alla vita un anno di vita

cantando all’indietro, fin dentro il sorriso

liberando il singhiozzo dalla paura

delle sere senza latte sui balcani

di quando ti lavavi, con la paglia

e il fiume, alla conca dei rumori,

era la tua vasca del passato. La ricchezza

ha un luogo in una ciotola, l' orecchio

delle uccelle che siamo diventate

nella somma di ciò che tace,

scorrendo il sangue forte, dentro il fiato

 

alla conca dei rumori,

nella più piccola dell’appennino di sasso,

può tornare la durata di ogni voce

e nessuna mente, illuminata e più minuta,

tra il silenzio e l’ombra che attraversa

davanti e intorno a sé, senza ossessione,

a un passo dai confini ancora canta

per offrire sulla lingua il taglio della luce

sotto i piedi, nella fessura più divina che si mostra,

di quando abbiamo visto il diavolomortale

di come, in quella pausa, dopo il volo basso

il trauma nominava l’elegia, danzando,

tra gli animali aperti come noi,

sotto il respiro delle rondini

 

nel cielo occidentale c’è la pace, ora,

scesa a terra, sul pavimento della casa,

delle voci, mentre mangio i semi delle acacie

e nel latte di altre terre lo stupore,

tra l'una e l'altra vibrazione

                                               non c'è altro-

di una piccola gioia che viene per riempirsi

in fondo all’estasi, e non ha misura

il luccicare in una parte della mente,

per non ferirsi - per volare ancora,

con gli occhi d’acqua delle uccelle,

nell’acqua umana di ogni sogno,

come il suo nome qui per terra


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Molta notte di una donna (Pubblicato il 05/02/2024 11:18:29 - visite: 133) »

:: Ogni coppia è un angelo (Pubblicato il 19/01/2024 23:40:17 - visite: 147) »

:: La grazia della cenere (Pubblicato il 16/01/2024 21:19:30 - visite: 94) »

:: Haiku (Pubblicato il 06/01/2024 21:10:51 - visite: 138) »

:: Nell’umida coppa dell’ epifania (Pubblicato il 04/01/2024 21:33:13 - visite: 142) »

:: Io ti starei in pancia , figlio mio (Pubblicato il 21/12/2023 23:43:13 - visite: 185) »

:: Il silenzio e sacro vuoto del Natale (Pubblicato il 06/12/2023 00:32:43 - visite: 194) »

:: Come va con il dolore. bellaluce (Pubblicato il 01/08/2023 11:13:39 - visite: 242) »

:: Trenta petali ( haiku ) (Pubblicato il 03/03/2023 22:46:44 - visite: 328) »

:: L’assoluta (Pubblicato il 26/02/2023 21:26:52 - visite: 261) »