Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1159 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 26 13:09:24 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Carissimo...

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/11/2008 08:53:14

Carissimo Lunedì,
mi permetto di darti del tu perché ci siamo incontrati circa duemilacinquecentotrentadue volte. O, meglio, tante sono state le occasioni in cui ti ho visto passare. Probabilmente, in mezzo a tanta gente non ti sei mai accorto di me. Ma io c’ero. Non ho mai voluto mancare all’appuntamento anche se ci sono stati momenti in cui sarebbe stato bene che non mi facessi trovare. Spesso, quando sei arrivato, mi hai trovata sveglia ad attenderti. Erano le domeniche in cui rileggevo nella memoria “Il Sabato del villaggio” ed era un sollievo sapere che tu saresti giunto per tirarmi fuori da quella mancata festa, dal precetto del riposo non rispettato.
Il 3 settembre del 1990 mi hai sorpresa, sposa novella, avvinta al sogno che l’amore sia eterno, immersa tra le braccia dello sposo, cullata dal profumo salmastro dei fiori di Apragopolis, città del dolce far niente. Quanto ero bella mentre, sentendo l’odore della sparita scala fenicia, salivo ad abbracciare Axel, con i capelli lunghi e sciolti che il vento impastava, intrecciandoli alle dita del mio uomo.
Il 26 aprile del 1993 mi hai trovata Eva, a scontare la maledizione ereditata da una curiosa alla quale piacevano troppo le mele, frutto che non ho mai apprezzato. Pare che nel giorno del misfatto con lei ci fossero un serpente astioso ed un uomo succube e spione. Non so bene perché ma, per colpa loro, mentre tu giungevi, stavo urlavo di dolore e terrore. Poi, venne una strega, vestita da dottore che mi disse: “Biancaneve, mangia la mela”. Ancora? “Non mi piacciono le mele”. Comunque, dopo averla addentata, caddi in un sonno di morte. Non fu un bacio a risvegliarmi ma un caldo corpicino tremante che stringeva i pugni appoggiato sul mio cuore, una creatura palesemente scontenta per il fatto che qualcuno, approfittando della mio decesso apparente, l’avesse stanata dal liquido utero e punita con un immeritato ceffone.
Il 25 febbraio di quest’anno sei venuto per me ma non per mia madre. Per lei hai portato due egregi sconosciuti che l’hanno tirata su come un sacco di patate e schiaffata dentro una cassa. Era un bel forziere di legno chiaro, foderato di bianca seta. Il suo vestito a fiori profumava come fosse primavera ed io, di nuovo, ero lì a voler disperatamente credere che l’amore sia eterno.
Baciavo quel viso marmoreo esaudendo il desiderio di una vita, tenuto a bada dai guardiani dei musei, di appoggiare le labbra sui volti delle statue più belle, di accarezzarne i gelidi capelli, di seguirne con puri polpastrelli il profilo, di premere un po’ di più sulle nodose vene per trovarne il battito. No, non c’era battito se non, furioso e soffocante, in fondo alla mia gola.
Domani ancora una volta, sarò all’appuntamento, anche se non ne ho voglia.
Allora, scusa se te lo chiedo, non buttarmi in pasto al traffico e al senso del dovere senza prima avermi salutata, non dico con un carezza ma, almeno, con una schietta stretta di mano.
E, se posso permettermi ed è in tuo potere, tieni a bada le Moire e torna a trovarmi. Poi, per quando arriverà l’ultimo giorno, ti prego, chiedi ad Atropo che recida filo di sabato. Così, finalmente, me ne andrò a ballare.

Sempre tua.

Maria

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Musik, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: 8 dicembre del ‘65 (Pubblicato il 08/12/2018 11:16:35 - visite: 434) »

:: 25, Morta che parla (Pubblicato il 25/11/2017 19:39:29 - visite: 664) »

:: #Svegliatitalia (Pubblicato il 23/01/2016 11:52:02 - visite: 1002) »

:: Natale in casa Proietti (Pubblicato il 13/12/2015 14:15:13 - visite: 623) »

:: Un amore così grande (Pubblicato il 20/06/2015 02:19:27 - visite: 1226) »

:: Postribolo inverso (Pubblicato il 17/01/2015 15:20:08 - visite: 951) »

:: Il prete. (Pubblicato il 16/11/2014 10:52:32 - visite: 967) »

:: Pasquinata di Natale a Pasquetta (Pubblicato il 21/04/2014 21:43:03 - visite: 1132) »

:: Protomoteca. Effetto notte. (Pubblicato il 06/04/2014 13:46:39 - visite: 1049) »

:: y (Pubblicato il 13/03/2014 20:50:19 - visite: 1012) »