Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 766 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jun 17 22:02:06 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’unica cosa che mi salva

di Federico Caruso
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/10/2014 11:44:30






L'unica cosa che mi salva è il sogno,
l'illusione,un nuovo amore.

L'unica cosa che mi salva è il mare,
l'orizzonte che si perde da primavera
all'autunno, le lunghe passeggiate
a San Salvo Marina a percorrere
chilometri di sabbia tra dune
e fiumiciattoli.



Qui sembra di stare in Africa.
Campi di grano e papaveri all'improvviso,
i pini marittimi,l’intrico di canne e “cannizze”
rovi e erbe alte.
Poi ecco il sentiero che conduce al mare attraverso prati di fiori,dune, arbusti e vento.

Stormi di gabbiani che si posano tra
gli scogli e l'acqua, la sabbia come
deserto.

Sento la vita,il respiro dell'eternità,
la leggiadria del cielo e delle nuvole

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Federico Caruso, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Caruso, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Memoria (Pubblicato il 09/05/2020 08:48:41 - visite: 63) »

:: Haiku primavera (Pubblicato il 11/04/2020 08:20:14 - visite: 84) »

:: A Giulio Tiberio (Pubblicato il 17/10/2019 08:56:31 - visite: 109) »

:: Haiku d’autunno (Pubblicato il 11/10/2019 09:31:33 - visite: 116) »

:: Fine estate (Pubblicato il 30/09/2019 08:36:18 - visite: 88) »

:: Eco antico (Pubblicato il 14/08/2019 08:53:14 - visite: 112) »

:: Placida (Pubblicato il 14/06/2019 07:20:14 - visite: 335) »

:: Il ragazzo del tombino (Pubblicato il 06/06/2019 08:44:04 - visite: 97) »

:: Maggio (Pubblicato il 23/05/2019 09:15:40 - visite: 152) »

:: Casa mia (Pubblicato il 06/04/2019 09:15:34 - visite: 186) »