Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1346 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 3 09:09:10 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Terra di minuscoli pastori

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 01/11/2014 23:02:14

 

Terra di leggende cantalupe
di miraggi, di minuscoli pastori
e fosse solo questo basterebbe


toccando la distesa del mio cuore,
è qui che canta l’acqua e si ripete
chiara, nelle curve che dispiega
sotto i piedi della lupa con dolcezza
sulla pancia bruna dell’ascolto
fino al rosa della lingua e tutto l’oro
del
 filo che discende nello sguardo
camminando sul segreto delle ore 
non sente che quel battito di vento
a pungere la croce tra le mani,
la scintilla, nel paradiso delle voci

 

 

vorrei discendere- e come  pura-

nella tua profondità, nel sole,

ricevere la luce, stupefatta

come una madre chiusa nella goccia

della tana naturale dei miracoli

col vestito dei segreti dei bambini

a prendere cristalli nel tuo fiato

che cola nel silenzio dei neonati

forando il cielo come un minareto

 

poi tessere coi fili della luce -

la parola che immacola il pensiero,

una chiusa nei polmoni delle stelle

dove i nostri cari son tornati,

con la dolcezza più grande  sulle spalle-

 

guidata da lontane vicinanze

mescolando l’universo con le membra

coi miei occhi al culmine del sole

per toccare il mondo delle madri

nel perenne punto di partenza

 

C’è altra luce che trapela dentro,

come fosse  un minuscolo infinito,

una lieve sorgente di calore-

dove il tempo non scorre, ad occhi chiusi,

per generare limo, quello che noi siamo

con la forza misteriosa che diffonde-

nel buio immacolato, sulla terra

 

ti troverò, nel sonno senza sogni,

ancora Re dei mie bambini, in fondo

al campo degli zingaridanzanti

salteremo nel plasma dei colori

come torce nuziali sulle tende

portando nella  bocca una canzone

un sigillo impresso sopra il  cuore

dove brilla al centro una figura

una compagna di viaggio, nell’amore

il testimone-sublime, l’ancella:

 

lo splendido figlio che noi siamo

dischiusi, con un salto dal suo grembo,

con lo scatto impetuoso sotto i piedi

e una cosa sola nel profondo,

 stessa terra di minuscoli pastori.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mia lucida madre fra i girasoli (Pubblicato il 05/07/2020 21:55:47 - visite: 57) »

:: Benandanti (Pubblicato il 04/07/2020 11:51:49 - visite: 86) »

:: Con lenezza e devozione (Pubblicato il 02/07/2020 12:15:18 - visite: 84) »

:: Cinque ninive alle sue braccia (Pubblicato il 30/06/2020 23:38:05 - visite: 39) »

:: L’eccedenza della vita (Pubblicato il 28/06/2020 12:00:10 - visite: 74) »

:: Ti credo in profondo una sposa (Pubblicato il 26/06/2020 12:06:27 - visite: 54) »

:: Lungo il cammino del sole (Pubblicato il 21/06/2020 16:13:01 - visite: 79) »

:: Margotta (Pubblicato il 06/06/2020 16:23:34 - visite: 68) »

:: Aman (Pubblicato il 04/06/2020 12:08:22 - visite: 106) »

:: La mia maestra è un’albera (Pubblicato il 25/05/2020 13:23:02 - visite: 103) »