Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 430 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 17 19:11:01 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il miracolo della carta

di Salvatore Zeno
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2014 15:52:42

 

C'è un momento perché guardi dopo il cielo,

mio momento per spogliarmi e rivestirmi.

In silenzio mio vedere.

Mio momento che ci sei,

di là del firmamento ne fai uno e lì verrei,

nella confusione di un quadro di vapore e vento bianco,

vento celeste,

vento nero,

fantasioso esordio farà il vero.

 

Mio momento ora guarda, in ginocchio e fortunato

che ti dico,

metto in piedi un ricordo

granello per granello,

un gusto dolce ma non troppo

ché tu beva

e io dosi in un poema

a chiunque senta e voglia ascoltare

che mente e cuore sanno strade opposte

a chi si tocca.

E se non mi credessi pensa per esempio

al venire di quel tempo,

all'equilibrio di essere immortali, a braccia aperte dalla commozione, a quanto sia un bisogno gridare a volte in tondo

che la verità

è più pura immersa nel dolore

perché ripudia le paure.

 

Mio momento, che sei al nascere

un baccello un poco schiuso,

ti danzerò sulla carta

di una storia punto per parola

e, mentre l'odore del tuo corpo sarà appena un gusto,

sarai così grande e io così piccolo,     

un portento,

una cicatrice che dentro satura

il cammino del primo istante della luce

dove il nostro cibo cuoce e solo tu

puoi trasformare ciò

perché fluisca da una mano.

 

Guardo seppur non vi sia niente.

So che potrò aggrapparmi a te

e scrivendo ti vedrò.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Zeno, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Zeno, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Come nasce una poesia (Pubblicato il 10/12/2014 15:48:54 - visite: 569) »