:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 866 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 14 16:52:26 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La paura#controviolenzadonne

di Giuseppina Rando
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/11/2015 17:58:57

La paura

 

 Rannicchiata nel letto, la donna suda per lo sgomento : la febbre divora il corpo del bimbo  il  cui volto diventa sempre più spento.

 Il padre nella stanza accanto è divorato dal male dell’io, corroso dall’oro, dal denaro e dalla passione di voler piegare tutto e tutti alla propria volontà, al proprio demone.

 Un  moto  incessante d’odio lo avvolge, per il figlio   malato , per la moglie che vuole curarlo.

   Non dice una parola, estraneo a tutto ciò che accade attorno, lontano all’amore che la donna vorrebbe offrirgli.

 Vortici di sentimenti, incapaci di trasformarsi in presenze costruttive, s’aggirano sotto le architravi  di silenzio che  sorreggono la dimora.  

 

 Per notti e notti la donna sta chinata sul letto, il suo corpo mezzo vivo abbraccia il corpo del figlio mezzo morto , s’intrecciano le loro ossa fragili sì da formare un’unica massa vivente.

La notte non ha fine e l’uomo è sempre là, con lo sguardo  di pietra ,il cuore avvelenato .

S’alza lentamente la donna, s’affaccia alla finestra: è buio fitto. Neanche una stella in cielo. La casa è isolata e la farmacia lontana.

 

E’ naturale vivere con la morte,  ma non è naturale  lasciare che il marito/padre, dalla stanza accanto ,  con gli occhi di pietra e il riso di Satana, ti rubi  il figlio.

Le pareti della stanza crollano sulle membra tremanti della madre, la risucchiano; cerca il figlio, non lo trova .   Gli ossicini del  bimbo  frantumati   dalla febbre e dal disamore del genitore  rientrano nel  ventre materno.

 In quel teatro di prigione però le ombre acquistano colore in quadri di speranza.

 

I resti   delle due creature avanzano con i giorni, corrono con le ore.

Anni e anni di lotta danno alla donna la coscienza che niente più può fermare il  viaggio verso i sogni che hanno riempito  sempre la sua vita.

Il desiderio di  smarrirsi nell’ideale  cade morbido sul suo fragile corpo come veste di seta e la spinge ad andare.

 

Il cammino è avvolto dalla notte, ma lei procede con sicurezza.

  All’improvviso i suoi passi vengono interrotti da una barriera: un mare immenso invalicabile le è davanti.

All’angoscia del limite se ne aggiunge un’altra: una marea di uomini a cavallo la circonda da ogni parte.

 E’ l’esercito dell’uomo dallo sguardo di pietra e dalla risata satanica dell’odio annientatore.

Davanti il mare, dietro Satana che incalza, ai lati il deserto, invivibile.

La notte rende ancora il mare più minaccioso, un manto fluido fatto di notte che fa riemergere paure  lontane: il terrore dello sguardo di pietra, il terrore  dell’uomo  che non conosce l’amore  .

 

Un intreccio magico di raggi , prima gialli, poi verdi, poi fosforescenti si staccano dal nero cielo, s’avvicinano sempre più, prendono  la forma di un veliero sottile.

 La donna   fissa la piccola imbarcazione a lungo e, come per incantesimo, si trova davanti  la  casa di un tempo, quando era solo una bambina.

Là si rifugia: è la  navicella dei sogni.

Un soffio di vento la solleva e la spinge verso l’inaccessibile ignoto.

 E’ leggera,   sfida la corrente, vola sulle onde. Cielo e mare  negli occhi della donna protesa verso l’orizzonte, tra le sue  braccia  torna il figlio emaciato, ma sorridente.

 

 Veleggia sui sogni la donna.

 Finalmente approda  nel porto di una città tranquilla .

 Il figlio, cresciuto, vuol  mettere i piedi a terra, insieme vagano per le strade e i mercati. Osservano  le vetrine di negozi mai visti: frutta, ortaggi, vestiti, gioielli,vasi : è tutto un luccichio di colori.

Madre e figlio si perdono  nelle cose, vogliono assorbire  con gli occhi tutto l’odore, il sapore , il colore del mondo. Il figlio ammira, annusa, tocca tutto ciò che può.

A volte le sue mani restano per lunghi minuti ad accarezzare la superficie lucida di una brocca di rame o quella rugosa di un’arancia. La madre lo lascia fare.

 Intorno tanto rumore e movimento di gente.

 

Tra la gente la donna scorge un uomo che la fissa con  lo sguardo di pietra, sono gli occhi del  nemico,   padre del bimbo inghiottito già una volta dal deserto e dall’odio .

Si sente penetrata dallo sguardo del  disprezzo gelido e le sue membra s’irrigidiscono, diventano  come pietre. E’ il nemico che  torna.

 Il terrore invade la donna che afferra il figlio e insieme corrono verso il porto.

 

“Ci sarà un’altra terra a cui arrivare ? “ chiede il ragazzo alla madre tremante, seduta sulla panchina del porto. Oscuro silenzio.

 Scende ancora  il buio  a sovrastare  ogni cosa.  La paura dell’uomo dallo sguardo di pietra paralizza  madre e   figlio, in perfetta simbiosi.

   Mente  e  arti bloccati.

Ormai andare avanti o tornare indietro è la stessa cosa per lei.

 

 E’ la  paura a distruggere  più dell’uomo dagli occhi di pietra, più dell’uomo che odia è la paura a distruggere.

E’ la paura il nemico più pericoloso, è lei la morte, prima ancora della morte.

Sulla panchina del porto resta seduta la donna, si trasforma in  statua di pietra , sul volto è scolpita la paura.

 Nella paura annegano i sogni, nella paura si spegne la vita .


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppina Rando, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppina Rando, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Lettera ai miei morti (Pubblicato il 02/11/2015 07:22:42 - visite: 530) »

:: Un clone (Pubblicato il 07/10/2015 08:23:10 - visite: 550) »

:: Vuoto (Pubblicato il 17/09/2015 07:09:03 - visite: 665) »

:: I maledetti (Pubblicato il 26/02/2014 05:59:16 - visite: 821) »

:: Distacco (Pubblicato il 09/01/2014 19:14:08 - visite: 1175) »