:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1740 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 14 18:46:01 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il senso della Vita

Argomento: Pedagogia

di Luca Santilli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/12/2012 10:00:36

Il senso della vita

La vita, questo miracolo meraviglioso che ogni giorno viviamo, è uno dei misteri più grandi.
Il senso della vita chi può dirlo qual è ? Ogni essere vivente cerca di scavare nel profondo del suo significato ma raramente ne coglie la bellezza. Il tempo è troppo veloce da permettere agli esseri umani di percepire il senso della vita. Si vive in una frenesia esistenziale, si rincorrono orizzonti lontani per scoprire cos'è la vita, molti di noi si chiudono in se stessi rifuggendo la vita esteriore e cosi la possibilità di aprirsi all'umanità, altri invece girano il mondo per trovare se stessi, per una rinascita spirituale. Gli esseri umani sono di corsa, in marcia come su ghigliottine d'oro, verso futili pensieri, cercando conforto nel dolore degli altri. Una forte assenza di amore, un'educazione corrotta, esempi di vita felice solo apparentemente sono ingannevoli per molti individui e cosi gli errori si trascinano di generazione in generazione. Mi chiedo anche come sia possibile soffermarsi a pensare al senso della vita, quando fuori da queste pagine si consumano guerre, violenze e rivoluzioni contro sistemi corrotti. Ma voglio comunque pensare che oltre il bianco di questo libro ci siano giovani, bambini e adulti ancora integri di una dignità superiore che in un giorno di sole, camminando tra le vie di una città quale potrebbe essere Roma, Parigi, Firenze, si siedano in un parco, un po' distante dal caos assordante del traffico e guardando il verde, gli alberi, i fiori, sentendo i piccoli rumori della natura si interroghino sul senso della vita. Immagino come un piccolo germoglio di rosa si nutra del pensiero positivo di quell'essere che le siede accanto. E mentre lui riflette sul senso dell'esistenza, immagini felici, le attraversano la mente e donano al viso quel senso di pace che tanto desideriamo. Il germoglio ad ogni respiro, ad ogni pensiero si commuove di quell'essere e decide di donarsi al mondo, di crescere, di trasformarsi nutrendosi dell'amore in una rosa mai vista, la rosa di velluto del cuore umano. Ecco il senso della vita, il donarsi al mondo intero, al tuo prossimo, alla natura, donare la propria esistenza all'altro che è parte di te . È un percorso graduale ma possibile per il riscatto dell'umanità che essa stessa deve pagare al suo carnefice. Donare amore incondizionato genera altro amore e il senso sincero di questo gesto risiede già nel cuore di molte persone. Non è facile riuscire a mettere da parte l'odio, la rabbia, l'egoismo e tutti gli altri sentimenti negativi che ci ostacolano nel percorso evolutivo, ma è necessario riconoscere che privi di questi sentimenti tristi si è più leggeri e come se avessimo ali invisibili, è possibile volare al di là della nostra immaginazione. Quanto potenziale di bene abbiamo ancora da fortificare dentro di noi, senza per questo perdere se stessi o i propri sogni. Ma da un gesto di amore può solo venire altro amore. Un'altra domanda che si presenta silenziosa e in punta di piedi è : che ruolo abbiamo noi in questa vita? Forse siamo semplicemente l'incarnazione di un amore? La realizzazione di un sogno ? In fondo siamo anche noi esseri pensati nella maggior parte dei casi oltre ad essere una combinazione biochimica perfetta e affascinante. E il nostro dovere è scoprire il nostro significato su questa terra, chi siamo e cosa dobbiamo realizzare, cosa dobbiamo lasciare ai nostri futuri figli. E credo che sia giunto il tempo di scoprire l'alchimia che ci tiene in vita, l'alchimia chimica tra la nostra materia, l'anima e lo spirito. Ogni essere vivente ha un destino a sé, un percorso sacro da condividere con altri individui, ed è in questo cammino che deve scoprire la sua missione e in ogni ambito della sua esistenza deve far prevalere la sua parte angelica, la sua essenza di vita, la sua energia luminosa per infondere un senso di conforto e di speranza per il nuovo mondo sorgente di domani.

Il Testo è tratto dal "il sorgente mondo nuovo di domani" II PARTE di Luca Santilli

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luca Santilli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.