:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1067 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 22 03:34:11 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ogni volta che ti vedo eternamente

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/05/2015 15:32:11

 

 

Col viso accolto nel silenzio

 mi hai mostrato come fare

a raccogliere i fiori delle felci

con le mani a lume della luna,

come un’ostia, immersa dentro i  fossi,

contro l’erba dello smarrimento

                            

quando benedicevi la vallata

nel più semplice dei riti all’orizzonte

seguendo i vitelli al primo pascolo

con i semi  alzavi una canzone

madida d’eterno. la tua gioia, ora,

come un’erica che sbuca nell’inverno,

cammina a piedi giunti col mio pane-

una mano smuove il filo del silenzio

e si lascia cadere nello sguardo

qualcosa di esistente come il nulla

negli steli  più lontani, in cima agli alberi-

legandoci al passato ed in avanti

giacendo accanto a noi, come una bestia,

 

conosco l'ampio dorso del silenzio,

un animale sempre vivo

quando sporge nella sera e s'inabissa

nel profondo della pancia, lentamente,

quasi fosse un suo risvolto

per quanta cura c’è, e discrezione,

nel tu del gesto che mi ascolta-

 

come un nido che sognando

inizia per cantare nello spazio

sporgendo le sue ali come fiori 

propagando a fondo lo splendore 

che accompagna e segue ogni parola,

l'indicibile che abita nel verbo,

che ricopre la risposta trasparente

quando torna a trattenersi nel respiro,

nel paradiso delle voci impercettibili

 

Così ti parlo, clandestina,

nei miei piccoli campi della luce,

godendo fino all’estasi dell’ombra

per assumere le nostre solitudini

a legame disumano, in questa vastità:

 

faremo un altro viaggio e un canto nuovo

allargando gli occhi chiari  come pozzi

per i fiori trasparenti delle felci

ci fermeremo alla stazione delle immagini

raccogliendo il tempo in unità

si chiuderà la notte,

come fanno le stagioni sui ciliegi

quando il bianco appare d’improvviso

e il verde va da un albero a quell'altro,

              finché una lacrima compare,

finché la rende visibile una luce, 

facendo l’arco e ricadendo come neve

per quando sarà grande, per quando tornerà

a sprofondarci dentro, smisurata

riprendendo la  poesia, nella parte dell'inizio

risorgendo originaria la parola

ogni volta che ti vedo -                                      

                                    eternamente.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Molta notte di una donna (Pubblicato il 05/02/2024 11:18:29 - visite: 167) »

:: Ogni coppia è un angelo (Pubblicato il 19/01/2024 23:40:17 - visite: 181) »

:: La grazia della cenere (Pubblicato il 16/01/2024 21:19:30 - visite: 120) »

:: Haiku (Pubblicato il 06/01/2024 21:10:51 - visite: 162) »

:: Nell’umida coppa dell’ epifania (Pubblicato il 04/01/2024 21:33:13 - visite: 173) »

:: Io ti starei in pancia , figlio mio (Pubblicato il 21/12/2023 23:43:13 - visite: 227) »

:: Il silenzio e sacro vuoto del Natale (Pubblicato il 06/12/2023 00:32:43 - visite: 232) »

:: Come va con il dolore. bellaluce (Pubblicato il 01/08/2023 11:13:39 - visite: 281) »

:: Trenta petali ( haiku ) (Pubblicato il 03/03/2023 22:46:44 - visite: 354) »

:: L’assoluta (Pubblicato il 26/02/2023 21:26:52 - visite: 286) »