Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1312 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 30 23:51:44 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Renaissance Le Corbeau

di Luciana Mulassano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/02/2009 14:35:16

Renaissance Le Corbeau

In quel tempo , vi era qualcosa di magico, poiché
stranamente ogni cosa era quasi trasparente.
Quasi a voler significare che tutto era perduto che
ogni tentativo di cambiamento poteva essere vano.

Quasi come se l’essere non avesse mai dimorato in
quei luoghi, li abitava l’apparire … come vivere
una vita altrui.

Sogno


Respiro affannata ,
ma ecco che all’improvviso al mio fianco percepisco
una forza, una figura imponente , mette una mano
sulla mia spalla ed in quel preciso istante,
percorriamo vastissime distanze , fu come spostarsi
ad una grandissima velocità senza alcun timore quasi
senza movimento, come un batter d’ali..

Ci fermammo sopra un canyon, una montagna rocciosa.

Non potevo girarmi a guardare chi fosse il mio
compagno di viaggio , potevo solo “sentirlo” .

Mi indicò un punto preciso molto lontano.

Mi concentrai per capire che cosa voleva che guardassi
ed ecco che improvvisamente vidi dall’altra parte una
donna con i capelli lunghissimi biondi ondeggiavano
al vento, provavo un grande piacere nel guardare come
se mi carezzasse il cuore.

Lei ci dava le spalle, notai che era a piedi scalzi con
un vestitino leggerissimo color avorio sembrava una
sottoveste, quelle che usavano le nonne.

Sulla caviglia aveva un tatuaggio , focalizzai il disegno
ed ecco un “Corvo”.

Improvvisamente una confusione nel cielo …
come una nuvola che sospinta dal vento corre veloce.

Erano dei Corvi. Uno di essi si poggio sulla spalla della
ragazza,sembrava che i due avessero molto da dirsi.

Dopo poco il Corvo si giro verso di me e telepaticamente mi disse
“Nessuna fine … nessun principio …. nessuna fine nessun principio…”
che grande rivelazione fu quella per me.

Mi sveglia agitata, sudata ma ben decisa, sul da farsi di li in avanti.

La mia vita procedeva, erano tante le cose da fare e da pensare mai
monito mi fu più utile.

Passarono alcune settimane da quel fatidico sogno, che incappai per
caso sul sito di Paulo Coelho .

Stavo leggendo uno dei suoi libri “Monte Cinque” e come spesso mi
capita ho poi la necessità di scoprire se lo scritto è davvero
quello che si propone nei suoi testi.

Soprattutto quando questi si propone con filosofie spirituali.

Mi inscrissi e comincia a leggere un po’ delle lettere inviate da
altri lettori .

Tutti quanti inneggiavano ad un suo libro “L’Alchimista “ che in me
non aveva prodotto grandi riflessioni , fu così che mi ritrovai a
scrivere che ritenevo il libro più bello di Coelho “Monte Cinque”

Il Profeta Elia il buon combattimento con Dio la riflessione sulla
continua comunicazione cosciente o meno con l’universo.
Come fu e come non fu si scateno l’inferno.

Sembrava che avessi urtato in modo grave il loro mondo.

Una sola voce si alzo in quel vespaio in mia difesa HOUSE si
chiamava scriveva un italiano stentato

Ma mi difese a spada tratta.

Diventammo amiche , ci scrivevamo via mail, lei abitava a Londra e
mi invito a passare una settimana a casa sua la House Maktub la chiamava.

Avevo sempre desiderato visitare Londra , farlo poi con una persona
del luogo era certamente il modo migliore per cercare di capire un
po’ di più, di vedere oltre il classico turismo.

Era febbraio, un mattino nebbioso con il mio trolley arrivai all’aeroporto
di Caselle (To).

Non avevo nessun timore eppure sapevo così poco di House.

Gli portavo in dono dei Cd di musica italiana .. mi aveva detto che
amava Celentano e Ramazzotti.

Non ero nemmeno preoccupata del fatto che non parlassi inglese e che
non avevo mai visto Ren, nemmeno in foto, nessuna ripensamento così
inizio quel fantastico viaggio.

Arrivai all’aeroporto Stantman, presi la metropolitana che mi avrebbe
portato nella City alla stazione di Liverpool e dopo poco più di
mezzora eccomi là, il cellulare non funzionava ma per fortuna
Ren molto previdente mi aveva mandato tutte le indicazioni per uscire dalla metropolitana, lei mi avrebbe atteso all’entrata principale.

Quando arrivai la ecco che in mezzo a quella grande folla vidi
anzi rividi la ragazza bionda del sogno mio Dio pensai è lei
sono certa che è lei, House House sei tu finalmente.

Ci abbracciammo come due vecchie sorelle che si ritrovano a
distanza di anni.

Con mia grande sorpresa quando arrivammo nella sua casa notai
alcuni corvi che stazionavano sul davanzale, guardavano dentro
ci osservavano.

Ed ancora più straordinari lei si mise le pantofole e potei
vedere sulla sua caviglia il tatuaggio a forma di corvo.

Ma ancor più quando mi disse il suo nome e cognome ecco li
capii li compresi che nulla è per caso.

Il suo nome Renaissance Le Corbeau.

Ly

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luciana Mulassano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luciana Mulassano, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Scrittura automatica(2) (Pubblicato il 30/11/2008 14:43:09 - visite: 1030) »

:: Leggerezza (Pubblicato il 12/07/2008 20:11:47 - visite: 926) »

:: Mirco (Pubblicato il 02/07/2008 19:17:07 - visite: 1092) »

:: La Donna del lago .............. (Pubblicato il 23/06/2008 14:14:56 - visite: 1289) »

:: Scrittura Automatica (Pubblicato il 20/06/2008 - visite: 896) »

:: L’uomo delle formiche… (Pubblicato il 12/06/2008 - visite: 1102) »

:: Anna - la Nonna e Maria (Pubblicato il 08/06/2008 - visite: 1149) »

:: Letterio (Pubblicato il 05/06/2008 - visite: 918) »

:: Un urlo assordante (Pubblicato il 05/06/2008 - visite: 949) »

:: Ho riletto un libro.. (Novembre 2004) (Pubblicato il 04/06/2008 - visite: 1084) »