Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 488 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 6 13:59:14 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il figlio della Jugoslava

di Franco Bonvini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/10/2016 00:25:35

Di pelle non troppo chiara nè troppo scura
aveva capelli neri e occhi furbissimi.
Non ne ricordo il nome
anche perchè per tutti era "il figlio della Jugoslava",
ricordo però che il banchetto di scuola sembrava andargli stretto
proprio come a me,
e sembrava scalpitare, come ci fossero delle puntine sulla sedia,
proprio come me,
anche se ora so che i motivi erano diversi.


Diventammo amici e a volte, usciti di scuola, facevo un giro un pò più lungo per fare un pezzo di strada insieme.
Sembrava non avesse tempo per fermarsi a giocare lungo la strada e fretta di tornare a casa e non voleva che lo accompagnassi su per le scale, fino in casa.
A volte, prima di arrivare al portone, le tende di una finestra al terzo piano si scostavano un po' e si intravedevano altri capelli neri di una figura femminile.
Allora lui accellerava il passo e salutava.. A domani!

 

Ma non tutti i domani c' era e non si vedeva mai neanche all' oratorio.
Facevo lo stesso il giro lungo ma le tende non si scostavano, le scale erano buie, la casa vecchia, e il cuore piccolo.

Non era paura, mamma per fortuna non m' ha mai messo paura sugli zingari, nè detto mai che se non fossi stato bravo m' avrebbero preso gli loro.. anzi diceva a volte quando tardavo troppo che forse m' aveva preso lei da loro.

Quasi fosse un complimento.

 

Però mi incamminavo verso casa sperando nel domani.
Mancò tre giorni una volta e allora durante il solito giro lungo presi il coraggio, con la scusa di portargli almeno i compiti, e son salito fino al terzo piano.

C'era solo una porta da bussare.
Ha aperto lei, la ricordo bella, alta e fiera, dopo aver visto che ero lì per il figlio e per i suoi compiti sembrava contenta e m' ha fatto entrare.

La casa era pulita e accogliente, anche se arredata in modo strano per me. E poi ricordo montagne di camicie, e panni da stirare e lui che stirava.

Non ascoltò nemmeno la madre che voleva che smettesse, e che lo aiutassi a fare i compito così l' indomani a scuola sarebbe stato preparato ma smise per un tè coi biscotti.

L' indomani c' era.. e aveva pure trovato il tempo di fare i compiti.. il tempo per giocare però non l' ha mai scambiato con quello speso per la madre.

 

Tempo dopo, vista la mia insofferenza ai banchi m' hanno tolto le "puntine" cambiandomi scuola, una di quelle più "aperte" ai piedi dei monti e coi muri di vetro sul prato.

Non ricordo altro, non so come fu che ci siamo persi.

Forse quando ho cambiato città.
Chissà dov'è ora.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franco Bonvini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franco Bonvini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Chi non ha mai seminato un’ alborella? (Pubblicato il 01/04/2019 09:01:50 - visite: 157) »

:: La merla (Pubblicato il 28/01/2019 13:56:38 - visite: 149) »

:: Rimorsi (Pubblicato il 06/08/2018 22:33:37 - visite: 209) »

:: Storie e intrecci (Pubblicato il 06/08/2018 22:31:31 - visite: 167) »

:: Gibson (Pubblicato il 23/06/2018 12:22:58 - visite: 236) »

:: Evoluzioni (Rivista e riproposta) (Pubblicato il 28/02/2018 09:27:10 - visite: 179) »

:: Giardino segreto (Pubblicato il 07/02/2018 14:01:30 - visite: 278) »

:: Due piccole piume (Pubblicato il 18/01/2018 10:56:13 - visite: 221) »

:: Genti diverse (Pubblicato il 29/12/2017 11:01:05 - visite: 237) »

:: L’ Eritrea (Pubblicato il 28/08/2017 10:44:29 - visite: 426) »