:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 600 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 17 23:09:33 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Geta, lamento #SaveAshrafFayadh

di Nicolò Errico
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2016 19:41:59

Fratello, è davvero così?
Amare chi ti è vicino, onestamente,
ti fa odiare ancora di più?
Non so, non capisco...
Roma non vale il tuo delitto,
ignora la politica, distrutta
deve essere e scongiurata
se divide i figli e li uccide.
Non sarebbe un qualche miracolo
fratello mio, mia carne,
se mai più, dico, dovessimo
indossare armature arrugginite
e brandire armi insanguinate?
Se riscuotessimo gloria eterna
superando i nemici
senza il bisogno dell’estinzione
non sarebbe un onore più grande?
Vivere senza rimpianti, liberi
da governi terreni e lotte di potere
nella pace serena e solidale
di una riscoperta umanità...
Ma tu che hai la spada, fratello,
bagnata del mio (nostro!) sangue
non vorrai capirlo per molto tempo
e così i tuoi sudditi, così gli umani.
Dunque, Caracalla, continua pure
ma non gridare “Geta!”, il mio nome,
quando affonderai in un lago rosso purpureo
ricoperto delle viscere sprecate
del tuo popolo, i Romani.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Nicolò Errico, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicolò Errico, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La Guerra (Pubblicato il 14/01/2016 01:26:04 - visite: 694) »

:: L’Industria (Pubblicato il 14/01/2016 01:23:24 - visite: 395) »

:: Il Consumo (Pubblicato il 13/01/2016 10:57:38 - visite: 405) »

:: Sala d’Attesa (Pubblicato il 13/01/2016 10:56:00 - visite: 335) »

:: L’Epoca del Terrore (Pubblicato il 12/01/2016 19:38:24 - visite: 396) »

:: Ad un’Amante (Pubblicato il 12/01/2016 12:11:14 - visite: 424) »

:: La Nostra Guerra (Pubblicato il 11/01/2016 11:25:32 - visite: 387) »

:: Gennaio, uno scrittore (Pubblicato il 11/01/2016 11:20:53 - visite: 369) »

:: L’Abruzzo (Pubblicato il 11/01/2016 11:05:28 - visite: 565) »

:: Un Monotono Caos (Pubblicato il 11/01/2016 00:04:24 - visite: 446) »