:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 683 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 5 03:20:08 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Semplice e arcano

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/04/2018 14:21:48

SEMPLICE E ARCANO

Sale con gli altri sul pullman e prende posto in prima fila accanto al finestrino. Il cantuccio gli piace. S’immergerà nei pensieri e le ore voleranno.
Dall’alto del mezzo guarda distratto il movimento ripetitivo delle macchine sulla scacchiera: il nastro grigio induce al sonno.
Con le palpebre abbassate si culla nella nenia del chiacchiericcio confuso, interrotto a tratti dal soprassalto improvviso di qualche alunno che lo chiama, mentre le risate delle colleghe scandiscono il tempo.
La Costa Azzurra, assolata e ventosa, corre sull’immensità del mare spalancando alle vista strapiombi di scogliere .
Giunge nella città dei Papi. Elegante e austero, misterioso e composito, il Palazzo dà su un parco in altura da cui si può ammirare il fiume Rodano e un isolotto lontano.
La visita degli interni gli dà l'idea di una giravolta nelle stanze morte, uno strascicare i piedi sugli impiantiti .
Alla sera il pasto insipido, in un locale oppresso dal chiuso, non gli toglie disponibilità. Attorno a un piano di cristallo, che moltiplica i riflessi luminosi delle fiammelle tremolanti , lui accoglie naturale e paziente i rovelli giovanili. E sublima risposte con poetico afflato.
La notte breve precede l’ arrivo in Spagna.
Dimentica subito la facciata dell’ hotel e la sistemazione nelle camere ed è col cuore e la leggerezza dello spirito alla spiaggia di Lloret de Mar. Uno squarcio di Sicilia.
Verso Ovest, in cima a una collinetta, le rovine di un antico maniero riproducono il castello di Milazzo. Su radi scogli garrisce lo stormo dei gabbiani.
Un gruppo di giovani tedeschi, nonostante la stagione ancora fredda, immerge nelle acque del Mediterraneo i corpi di muscoli scolpiti.
I ragazzi camminano sulla sabbia granulosa, sollevando una polvere sottile che s’attacca alle scarpe.Poi, si distribuiscono lungo la caletta libera da bagnanti, in mobili onde umane, ora allargandosi ora restringendosi, come nel mantice di una fisarmonica scordata.
Lui vorrebbe fermare il tempo. Rimanere nella contemplazione estatica di questi attimi che niente danno di straordinario se non il senso dell’evasione e la familiarità del ricordo.
Vede l’esile corpo del bambino, al mare con i nonni, correre dietro a una piccola palla che un piede maldestro ha fatto rotolare lungo la battigia in pendenza. Lui l’ha afferrata con rabbia feroce, buttandosi in acqua e, per la prima volta, si è affacciato sulla distesa blu e profonda che ha portato qualche parente a trovare fortuna in terre lontane.
Adesso i corpi dei ragazzi si sono disposti in una fila lunga, quasi retta, parallela al bagnasciuga, componendo l’immagine di una tastiera.
Sente il desiderio di coprirli in quella posa con un drappo a colori vivaci; desidera sintonizzare il ritmo della risacca con lo stridio dei gabbiani. Chiedere di irrorare emozioni.
Mare e cielo, riuniti nel piccolo lembo di costa, amplificheranno la forza degli accordi..
Ma arriva una ventata . La fila si rompe, bagnata da un getto improvviso di acqua salina . I tasti si disperdono scomposti in suoni e forme disarticolate.

Si ritorna in albergo. E’ l’ ora di cena.
I bocconi di pesce spada grigliato abbracciano lo stomaco. La torta alle noci ristora.
Nella grande mensa semi interrata, sotto le luci un po’ stordenti e languide dei lampadari, in un impulso di abbandono o di condivisione lui si lascia andare alle confidenze. Narra con rattenute parole i trascorsi di una vita sofferta.
Della educazione affidata ai nonni.
Di un matrimonio precoce e spezzato.
Dei figli realizzati e felici in un’altra città.
Della musica e della poesia.
Del viso e dei capelli lunghi.
Da trovatore.
Novello e antico. Semplice e arcano.
Racconta se stesso con una trasparenza quasi commovente, appoggiando per un attimo i pesanti fardelli sull’ educata compostezza e lo spirito partecipe dei compagni di viaggio..
Segue la scorrazzata sul lungomare insieme agli alunni che vociano e saltellano.
Poi, ancora la notte breve e un’alba lattiginosa. Ancora il pullman: direzione Barcellona. Città antica, navi da carico in scalo nel suo grande porto.
Davanti alla fantasmagoria della Sagrada Familia il gruppo degli studenti si raccoglie ordinato per osservare l’originalità del prospetto, i simboli della cristianità e i doni della natura elevati al cielo in votiva offerta.
Lui guarda verso l’alto la figura di Cristo, Risorto e Presente. Vorrebbe raggiungere la cima del Tempio Espiatorio, rannicchiarsi in una raggiera di guglia dentro le forme curve che imitano la natura e sentirsi filo d’erba, grano di sale, chicco di frumento.
Poi un ragazzo gli porge un flauto. Un piccolo flauto bianco.
Lui accosta l’imboccatura alle labbra e ne trae suoni che paiono celesti.
Gli altri , felici, accompagnano col battito delle mani la melodia delle sue note.
Rapiti. Per sempre.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La visita (Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44 - visite: 67) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 126) »

:: Illusioni (Pubblicato il 17/06/2022 20:43:00 - visite: 163) »

:: Ideali (Pubblicato il 12/03/2022 20:52:05 - visite: 182) »

:: Accomunati (Pubblicato il 27/02/2022 13:33:33 - visite: 244) »

:: Ne basta uno (Pubblicato il 15/02/2022 15:42:47 - visite: 138) »

:: «C’è in te più di quanto tu stesso non sappia» (Pubblicato il 06/02/2022 16:42:06 - visite: 277) »

:: Dono (Pubblicato il 08/01/2022 10:44:32 - visite: 504) »

:: Baba (Pubblicato il 03/01/2022 20:19:24 - visite: 148) »

:: Breccia (Pubblicato il 28/12/2021 15:29:28 - visite: 181) »