:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Un ricordo del nostro caro amico e poeta Nicola Romano
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 768 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 24 10:40:04 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Globulare

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/07/2018 13:04:26

GLOBULARE

 

Per strada si era accorta di aver dimenticato il cellulare. Aveva guardato l’orologio: qualche minuto di margine c’era ancora.

Era ritornata a riprenderlo: la casa sempre immersa nel sonno della madre, le stanze ancora avvolte nella penombra del primo mattino.

Era uscita di nuovo, correndo. Col cancello aveva dato un colpo secco alla colonnina di ghisa.

Ci voleva una mezzora buona per raggiungere la fermata del pullman. Doveva forzare l’andatura. La madre non poteva più accompagnarla in macchina. Si sentiva troppo debole e vedeva male.

Gli automobilisti sfrecciavano diretti al lavoro. Quella era una strada di transito sostenuto.

Lei si augurava che qualche faccia conosciuta la notasse mentre si affannava sotto il peso dello zaino. Ma tutti andavano di fretta: i veicoli si succedevano senza tregua, uno dietro l’altro, facendo percepire la potenza dei motori, la sicurezza dei mezzi di nuova generazione.

Lei aveva in mente tempi più lenti, chilometri all’ora che si traducevano in sessanta al massimo ottanta, e al volante qualche faccia familiare aperta al bisogno e disponibile alla gratuità.

Ma non c’era nessuno. Solo automobili fiammanti che si producevano velocissime sulla provinciale, trasformata da alcuni anni in due larghe corsie con margini di sosta.

Autisti robotizzati e invisibili dietro il parabrezza.

Mentre camminava ansante ripensò ad Elly. Alla sua ultima pubblicazione.

Si era stupita di quanto fosse stata esplicita nel rivelarsi quando invece era criptica e complicata, amante di neologismi e parole astruse. Le ritornava in mente quel “globulare”, usato in un testo per indicare la deglutizione di un pasticcino.

-A me piace leggere di sentimenti. Di orgogli deposti e canti aperti- le aveva detto.

-Sì, ogni tanto ci vuole. Ma non si può eccedere perché ai lettori piace il sofisticato. Anche se fare arte in modo semplice è un’abilità, non sempre questo viene apprezzato. Poi il lineare e il sentimentale non vanno proprio- le aveva risposto Elly.

Lei continuava a ripensarci, mentre avanzava affannata lungo la via piena di traffico e guardando l’orologio.

-Non ce la farò, non ce la farò! Vedrò il pullman passarmi davanti!-

Stava per rimettersi a piovere e sarebbe stato un doppio guaio aspettare la corsa successiva: non c’erano ripari nel punto in cui avrebbe dovuto sostare e l’ombrello si era rotto.

Continuava a camminare frenetica. Chiunque avrebbe notato la sua necessità.

All’improvviso, inaspettatamente, una macchina le si affiancò:

-Vuoi un passaggio?

Era un immigrato: la pelle scura, il sorriso intuente.  

-No, grazie. Sono arrivata!

Non lo conosceva. Che cos’altro avrebbe potuto dirgli?

Magari era una brava persona, che si era semplicemente accorta della sua difficoltà e le avrebbe voluto dare un innocuo passaggio. Ma lei era costretta a declinare l’invito.

Si morse un labbro, mandò degli accidenti ai conterranei insensibili che continuavano a far rombare le macchine senza considerare il fatto che una donna, non più giovane, poteva avere urgente bisogno di prendere una corriera alle sei e mezza di mattina. E non si fermavano.

Non si fermavano, forse anche, perché avevano già realizzato di ricevere un no secco, in un mondo insidioso e complicato in cui le cose semplici non trovavano più posto.

Lei proseguì la marcia avvertendo un lieve disturbo alle coronarie. Ma le lancette sembravano aver rallentato, la fermata si faceva sempre più vicina.

Arrivò  esattamente un minuto prima rispetto all’orario previsto. Il tempo di inspirare ed espirare.

Il pullman puntualissimo le inchiodò davanti la portiera. L’autista aveva un cappellino nero all’americana, una polo dello stesso colore e due serpenti tatuati sul braccio destro.

Lei salì, timbrò il biglietto con la tariffa a zone, si avviò un po’ ondeggiante lungo il corridoio e si sedette accanto a una ragazza in short, che esibiva gambe tatuate e sandali con borchie. Fissa su una sequela di immagini nel cellulare che riprendevano gatti in varie pose.

Lei sistemò la borsa sotto il sedile e guardò dal finestrino: la campagna con le sue distese di sorgo, in parte mietuto , lanciava la sua rassicurazione.

Si chiese che cosa avrebbe scritto Elly per rappresentare il tutto.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La visita (Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44 - visite: 60) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 111) »

:: Illusioni (Pubblicato il 17/06/2022 20:43:00 - visite: 162) »

:: Ideali (Pubblicato il 12/03/2022 20:52:05 - visite: 178) »

:: Accomunati (Pubblicato il 27/02/2022 13:33:33 - visite: 233) »

:: Ne basta uno (Pubblicato il 15/02/2022 15:42:47 - visite: 138) »

:: «C’è in te più di quanto tu stesso non sappia» (Pubblicato il 06/02/2022 16:42:06 - visite: 261) »

:: Dono (Pubblicato il 08/01/2022 10:44:32 - visite: 481) »

:: Baba (Pubblicato il 03/01/2022 20:19:24 - visite: 147) »

:: Breccia (Pubblicato il 28/12/2021 15:29:28 - visite: 179) »