:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 544 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 20 05:44:52 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Istinti di felicità

di Giampaolo Giampaoli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/05/2017 21:59:00

In te

 

In te riscopro la mia energia,

forza da non confondere

con gesta ribelli, mai compiute.

Promesse si consolidano,

crescono inesorabili,

disattenderle non mi sarà concesso.

In te vorrei affrontare i timori

per selezionare il passato,

molteplice nei suoi volti,

per donarti solo i volti

che desidero concedermi.  

 

Il potere della poesia

 

Raccontare la realtà nei versi;

un gioco, se ne sono capace

voglio dedicarlo a te,

per rispetto al tuo risentimento,

per le fatiche della tua mente

riversate nelle braccia stanche

a costruire la tua realtà,

aspirazione si compie in parte,

ma nel tuo cuore restano ferite

da sanare. Le guarirei

per saperti disteso nell’abbandono.

Ti regalerei il bene,

pregio estraneo al pensiero comune,

te lo darei per la nostra

lieve amicizia, posta nei rituali consoni

all’uomo retorico,

ma lo farei senza esitare

e ti chiederei se ha un valore

questo stimolo di civiltà,

emozione da provare, spartire

con l’uomo retorico degno

di versi capaci di sedare

lo spirito irruento, alla sera,

quando la varietà dei poeti

riflette sotto gli ultimi  

respiri del giorno.

   

Stefano

 

Cullato dall’attesa,

cellula cresciuta

nel corpo amato,

il pensiero di te

scalda il flusso del mio sangue,

freddo nel quotidiano

succedersi degli eventi.

Sogni, ti svegli ribelle

costretto nel grembo,

prigione inconsapevole

del ciclo della materia,

si plasma lenta e senza traumi,

assume l’originalità

della tua figura celata.

E mentre prende forma

la concezione della tua esistenza

nella mia mente confusa

i fantasmi si librano,

pause senza limiti di tempo;

i fantasmi portano domande

a cui non vorrei più

concedere turbate risposte.

 

Pochi versi

 

La brevità della poesia

appaga i sentimenti,

profondi padroni dell’anima

chiedono di esprimersi.

Pochi versi per narrare

il piacere, il rimorso,

che non consentono al cuore

di abbandonarsi a se stesso,

simili sono nel logorare,

impietosi nella loro intensità.

La brevità della poesia

mi concede la pace

se dipingo con le parole

la tempesta dentro di me.

 

Insieme

 

Il tuo viso immerso nel sonno,

lo guardo e ho piacere

dei suoi lineamenti severi

nel delineare la tua bellezza.

Il tuo corpo lo avverto vicino,

lo accolgo nell’intimità

tra desideri e rimpianti.

La mente nel dormiveglia

si difende da impetuosi aggressori,

esaltano la coscienza, li avverto

nel carattere di pensieri reconditi,

ma il tuo respiro mi invita al riposo

dettato da un corpo senza energia,

provato dalla nostra esistenza

unica nell’unione fisica,

nel bisogno di compenetrarsi

anche nel sonno.

 

Ritorno

 

Parole sofferte

nella timida falsità

della tua voce umiliata,

tu la detesti nel sottoporla

a ridicoli rituali sonori

ripetuti nel trascorrere

delle stagioni gettate, sprecate.

Sei tornata per scuotere

le mie giornate per te retoriche,

senza bagliori nella speranza,

vana hai chiamato

per riesumare la gioventù

che ho voluto offuscare;

il calore che avevi preso disonesta

era gelo da cui l’estate della vita

mi ha scaldato.

Sei tornata per sentire

il gelo che ho nel petto per te,

è vano sperare di scioglierlo.    

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giampaolo Giampaoli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giampaolo Giampaoli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Perdita (Pubblicato il 28/05/2017 09:34:44 - visite: 629) »

:: Distanze (Pubblicato il 28/05/2017 09:18:53 - visite: 567) »