:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 625 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 20 13:50:13 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Milonga

di Jacob l.
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/05/2017 10:34:10

 

                                                                                                   

Pioggia battente come un suono noto – come un abbraccio come     un’emozion

si sente solo   quasi impotente - nella tormenta della    sua ossession

       Sta camminando sotto un acquazzone -  nel vento   nero  dell’oscurità

       Con lui la pena di avere  perduto  - il grande amore per l’eternità

Un cuore pazzo che gli è sconosciuto – di ballerina di cui non sa niente

Un tango ardito che gli batte dentro –  suona  ancora la sua     triste canzon.

 

Una   milonga  inquieta      

Che   trasforma la vita

Una sera d’inverno

Che finisce così

 

Sente la mano sua che lo trattiene – sul suo fianco e afferra la sua mano

Un brivido percorre la sua  schiena..... mentre il pensiero è ora    più lontano

       Dove sta andando dove non si chiede -  e  se  la strada poi lo inghiottirà

       Mentre cammina sotto il temporale – si sente perso in mezzo alla città.

Questa milonga antica  lo  tormenta – lo  sconvolge nell’ansia    e depression

Di una sera d’inverno e una balera -  lasciata       senza  premeditazion.

 

Ma che milonga strana

Che  ora  mi accompagna

Nella mia strada scura

Senza paura, senza paura

 

 

Era   incantato   là dentro nella   sala   -   sentiva  solo  un poco di languor

Tra il bagliore fugace   della    gamba   -  di una professionista del dolor

        un maledetto tango argentino -    una passione  antica  da ballare

        la seta   rosso  fuoco  di un vestito -  di  una donna da non incontrare

abbandonato   alla  sua frenesia  -  in preda ad un attacco  di passion

sapeva che ballare la milonga – era questione    di   improvvisazion

 

Questa  milonga  antica

Che non è mai finita

In una sera oscura

Non mi ha lasciato più

 

Però la sua passione incontrollata – nell’ansia acuta del suo batticuore

È una follia    improvvisa   destinata -  a rovinargli l’estasi d’amore

        Allora,    tra una mano abbandonata -  nel cuore una  grande emozione

        Esce dalla  balera  all’improvviso ….  In testa solo tanta confusione

Per una ballerina di milonga -   dal cuore  amaro       senza esitazion

Vaga nella città senza una meta… tutto bagnato….     sotto l’acquazzon

 

La  mi-lon-ga  è finita

La sua vita impazzita

Come una febbre stanca

Che non guarisce più

       Come una febbre stanca…….

      Che… non  guarisce….più

 

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Jacob l., dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Jacob l., nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ho tempo (Pubblicato il 22/06/2021 14:56:49 - visite: 20) »

:: Le lucciole (Pubblicato il 22/06/2021 14:43:18 - visite: 13) »

:: Arriva ecco l’estate (Pubblicato il 10/06/2021 16:39:48 - visite: 38) »

:: ancora una volta (Pubblicato il 21/05/2021 15:46:50 - visite: 75) »

:: cenere di sogni (Pubblicato il 21/05/2021 15:27:57 - visite: 67) »

:: Un riccio di mare (Pubblicato il 18/05/2021 16:02:15 - visite: 103) »

:: Il coraggio di aver paura (Pubblicato il 18/05/2021 15:54:24 - visite: 85) »

:: Risolvere (Pubblicato il 31/03/2021 13:58:26 - visite: 117) »

:: ... e tu vivevi (Pubblicato il 31/03/2021 13:45:12 - visite: 140) »

:: Frammento di vita (Pubblicato il 15/01/2021 14:17:57 - visite: 136) »