Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 424 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Mar 4 16:06:52 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A Giacomo

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2017 01:04:32

Ti odiai per “L'infinito”,
quei versi che piegarono l'estate
e il dubbio d'una bocciatura.
Odioso quel maestro,
odiosi i versi
ch'oggi apprezzo e che declamo sovente,
con te or mi confondo su quel colle
a te m'unisce questa randagia sorte
ed il peregrinare solitario.

 

Dove, dov'è, la vita?
Come radice d'una ginestra morta
che dal fuoco risorge e i butti getta
di fiori gialli colora la collina
dove la brace ancora fumo esala.
Vita noi siamo, esuli e romiti,
vita noi produciamo nel silenzio
versi sublimi che come vino
nel tino fermentano silenti
gioia ci danno poi attraverso il tempo,
che in noi non muore,
e se il sole scioglie la brina
una rosa rossa dalla patina opaca poi compare.

 

Oppressi fummo,
la nostra vita compressa al conformismo
piegata come arbusto lungo il colle
poi che la lava incandescente spiana,
la nostra vita di nuova vita esulta
e il tempo, e il fato, nulla potrà usurare.
Come radice, al fuoco preservata,
rinascerà sulle nudi pendici,
il verde cancellerà le ceneri nerastre
e nuove fioriture, ed api e insetti
ancora voleranno tra quei fiori,
feconderanno quel che credi estinto
nuova vita germoglierà dov'era morte,
anche se dura e amara ancor sarà la sorte.

 

Oh, pellegrino, che all'avello indugi,
non leggere il mio nome ma il pensiero
scava dentro quell'ossa frantumate,
in quel teschio senza volto e senza vista,
quell'anima ricerca ch'è fuggita
che solitaria vaga e al sol distende
versi che volteggiano agli alisei costanti
come bianche farfalle,
solo parole disperdono che nessuno coglie
parole che chi vuol senso raccoglie.

 

Salvatore Armando Santoro
(Boccheggiano 29.11.2017 – 18,09)

 

Il dipinto di Giacomo Leopardi, tratto dalla maschera mortuaria del poeta, è del pittore Domenico Morelli ed è quello più vicino all'aspetto reale del poeta negli ultimi anni della sua vita.

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Armando Santoro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pupazzetti (Pubblicato il 16/01/2021 23:00:32 - visite: 53) »

:: Fabiolo (Pubblicato il 11/01/2021 06:44:28 - visite: 66) »

:: Autunni (Pubblicato il 05/01/2021 23:10:50 - visite: 67) »

:: Il volto dei poeti (Pubblicato il 28/12/2020 00:44:45 - visite: 55) »

:: Il muretto (Pubblicato il 28/12/2020 00:11:23 - visite: 58) »

:: Arrabbiature (Pubblicato il 22/12/2020 07:34:49 - visite: 65) »

:: Morale (saffica) (Pubblicato il 17/12/2020 02:36:49 - visite: 84) »

:: Le chat - Il gatto (Pubblicato il 16/12/2020 10:53:06 - visite: 74) »

:: Il bianco ed il nero (Pubblicato il 16/12/2020 10:48:48 - visite: 52) »

:: Il mio cane assassinato (Pubblicato il 16/12/2020 10:27:01 - visite: 43) »