Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Una penna esaurita

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/02/2018 20:06:22

Ma dove, dove, dove, dove sei
tenero giunco che piegava il vento
anche quel lumicino adesso è spento
buia è la tua finestra nella notte.

 

Mi illudo ancora di vedere un lume
che a tratti splende all'ondeggiar dei rami
e tra gli ulivi ascolto i tuoi richiami
quando sommessa parlavi al cellulare.

 

Ed io riguardo ancora una lattina,
un ciocco di capelli anche accarezzo
e questa penna che non ha più prezzo
l'inchiostro ha secco come un vecchio pozzo.

 

E non cerco il ricambio, più non serve,
quello che ho scritto tutto l'hai distrutto
il mandorlo è fiorito e non da frutto
i petali disperde tra i muretti.

 

Quello che avevo in cuore te l'ho dato
non so cosa di più potevo darti
forse non ho saputo a fondo amarti
spesso l'amore è avaro nel mostrarsi.

 

Vorrei fermare il tempo, ma impietoso
batte nel campanile l'orologio,
il cuor risponde con un tocco mogio
sfinito affronto l'ultima salita.

 

Salvatore Armando Santoro
(Boccheggiano 18.2.2018 – 19,46)

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Armando Santoro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pupazzetti (Pubblicato il 16/01/2021 23:00:32 - visite: 49) »

:: Fabiolo (Pubblicato il 11/01/2021 06:44:28 - visite: 63) »

:: Autunni (Pubblicato il 05/01/2021 23:10:50 - visite: 65) »

:: Il volto dei poeti (Pubblicato il 28/12/2020 00:44:45 - visite: 51) »

:: Il muretto (Pubblicato il 28/12/2020 00:11:23 - visite: 51) »

:: Arrabbiature (Pubblicato il 22/12/2020 07:34:49 - visite: 62) »

:: Morale (saffica) (Pubblicato il 17/12/2020 02:36:49 - visite: 80) »

:: Le chat - Il gatto (Pubblicato il 16/12/2020 10:53:06 - visite: 71) »

:: Il bianco ed il nero (Pubblicato il 16/12/2020 10:48:48 - visite: 49) »

:: Il mio cane assassinato (Pubblicato il 16/12/2020 10:27:01 - visite: 40) »