:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 249 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 16 14:15:52 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La scelta

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2021 16:18:21

LA SCELTA

Il gabbiano è andato a posarsi sul pelo dell’acqua a poca distanza dalla battigia.
La donna, chinata per afferrare il sacchetto di plastica abbandonato sul lembo di costa, gira la testa per guardarlo. L’animale per un attimo punta il becco nella sua direzione, poi gira il capo a destra e a sinistra e infine si leva in volo.
La donna infila il sacchetto sporco di terra nell’altro pieno di cartacce e segue la traiettoria del volatile. Lo sguardo coglie le sagome dei monti ergersi e calarsi nel lago in un perfetto disegno di linee oblique. Osserva la distesa lievemente scagliosa, mossa da una brezza leggera.
Non è la prima volta che pensa al mare, a quando l’ha guardato prima dalla costa e poi dalla barca.

-Stai al timone! Prendi il timone – il padre issava la vela- devi sentire il vento!
Gli undici metri oscillavano dalla prua alla poppa e tra le battagliole.
-Lo senti? Lo senti?
L’albero si inclinava. Lei non capiva come doveva tenere la barra.
Il padre agganciava la cima e veniva a sedersi accanto.
-Devi fare così, così!! Ci vuole un po’ di sensibilità.
Era poco più che adolescente e presa da altre urgenze: si sentiva estranea alla passione per la vela anche se il mare le piaceva. Quando lo osservava dalla costa, si percepiva in un viaggio nel mistero. Se lo guardava dalla barca, provava smarrimento e inquietudine.
Il padre scuoteva la testa, contraeva i muscoli della mandibola. Non sapeva dialogare con una figlia introversa e con i pensieri altrove.
-Mettiti a prua a prendere il sole, allora!
Vi si sdraiava se c’era bonaccia. Le piacevano le doghe lustrate.
La barca sostava in mezzo alla distesa tra le scaglie iridescenti. Qualche gabbiano si posava sull’estremità dell’albero. Lei rimaneva immobile perché non volasse via. Il padre arrotolava le cime.
A volte incrociavano altre barche: c’erano delle ragazze a bordo che stavano in piedi protendendosi da prua. Avevano un piglio elegante e deciso e sembravano andare alla conquista del mondo.
Il padre le guardava compiaciuto.
Lei si sentiva solo spettatrice.
Non aderiva al senso di quel navigare lungo la costa solo per dire che si sapeva come governare una barca. Che era costata fior di quattrini e che doveva fare mostra di sé negli attracchi.
Avrebbe preferito un peschereccio. Uno di quei barconi un po’ sgangherati e perennemente stinti dalla salsedine, col motore fragoroso e la puzza di nafta e catrame, che scaricavano sul molo casse di alici e sardine. Lì, la condivisione di uno spazio ristretto, il freddo umido della notte, il beccheggiare, che dava la nausea, trovavano il loro naturale senso in un fine.
Il padre non capiva. Per lui era la cosa più bella del mondo ammirare le imbarcazioni ancorate nei porti. Una volta si era seduto su una bitta e le aveva detto:
-Guarda quel veliero! Non è meraviglioso!?
Sì, era meraviglioso. Lungo, nero, con tre alberi e una polena a prua. Adatto per girarci un film.
Non si era fatta prendere da quella passione.
Li considerava solo oggetti di lusso appartenenti a ricchi sfaccendati alla ricerca di emozioni: ostentazioni per colmare dei vuoti.
Il mare era altra cosa. Era una forza misteriosa della natura. Distesa cangiante che si faceva allegoria dell’esistenza.
Amava sedersi a riva, interrogare la massa e le sue onde. Il mare trascinava in un vortice: era vita e morte nel contempo. Sollecitazione e spinta a intraprendere scelte.

La donna ha girato le spalle allo specchio grigio azzurro del lago e ha chiuso il sacchetto con le cartacce per gettarlo nell’immondizia.
La gente si sporge dalla ringhiera per osservare la piccola distesa con le sue barche che oscillano nella cala. I proprietari contemplano i loro oggetti e si preparano a governare il timone.
Lei, da un po' di tempo, ha concluso il suo rapporto con l'Amministrazione: adesso è un'esile donna con le ossa minute che dedica le giornate a tener pulito un lembo di costa.
Quando può si siede negli accenni di spiaggia del lago, guarda la massa azzurra simile a quella del mare, e compie il suo viaggio nel mistero.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Illusioni (Pubblicato il 17/06/2022 20:43:00 - visite: 87) »

:: Ideali (Pubblicato il 12/03/2022 20:52:05 - visite: 156) »

:: Accomunati (Pubblicato il 27/02/2022 13:33:33 - visite: 204) »

:: Ne basta uno (Pubblicato il 15/02/2022 15:42:47 - visite: 118) »

:: «C’è in te più di quanto tu stesso non sappia» (Pubblicato il 06/02/2022 16:42:06 - visite: 180) »

:: Dono (Pubblicato il 08/01/2022 10:44:32 - visite: 402) »

:: Baba (Pubblicato il 03/01/2022 20:19:24 - visite: 132) »

:: Breccia (Pubblicato il 28/12/2021 15:29:28 - visite: 163) »

:: Oscurità (Pubblicato il 24/12/2021 18:40:57 - visite: 201) »

:: Il passaggio (Pubblicato il 21/11/2021 09:52:45 - visite: 211) »