Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 212 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 26 11:30:34 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il giorno che starò per morire

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/11/2018 00:54:34

Il giorno che starò per morire
mi laverò il viso con una manciata di ricordi
forse dagli occhi fuggirà qualche lacrima
forse mi si offuscherà la vista
forse rivedrò la donna vera che un giorno ho amato.

 

A te io penserò,
il giorno che starò per morire,
a te che m'hai dato una manciata di carezze
che mi hai illuso
che mi hai raccontato parole non vere
che poi mi hai anche vilipeso
che mi hai infine deluso.

 

Te e solo te vedrò come immagine sbiadita.
Ti ricorderò sorridente
ti rivedrò bagnata dalla pioggia in una notte di bufera
ti vedrò correre sul tuo sentiero illuminato dai fulmini
ti ricoderò piangente durante una chat
e non ricorderò il perché delle tue lacrime.

 

Affonderò le mani nel tuo mare
raccoglierò una manciata d'acqua salina
per ascoltare il rumore dell'onda
avvertirò ancora gli spruzzi sulla pelle
e gli occhi mi bruceranno.

 

Sulla falesia sosterò,
mi affaccerò sulle grotte di Ristola
sentirò l'urlo dei figli di Medea,
le imprecazioni di Giasone,
l'onda accarezzerà i corpi trasformati in rocce
e placherà l'odio nei cuori.

 

Anche tu ricorderai il mio pianto
forse comprenderai infine il perché delle mie lacrime
forse capirai il grande amore che t'ho voluto
la tua follia per un attimo scomparirà
la ragione s'affaccerà nel tuo animo rasserenato
correrai sugli scogli inseguendo la mia anima
la chiamerai urlando tra gli anfratti della falesia
ma ti risponderà l'ululato del vento tra gli scogli
che tu scambierai per la mia voce disperata
che non potrà più confortarti.

 

Salvatore Armando Santoro
(San Marcello Pistoiese 28.11.2018 – 00,09)

 

Nella foto: Gli scogli maledetti di Punta Ristola a Leuca che secondo la leggenda sarebbero i corpi dei figli di Medea, che aveva fatto a pezzi e sparsi in quel mare per fare dispetto al marito Giasone.

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Armando Santoro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pupazzetti (Pubblicato il 16/01/2021 23:00:32 - visite: 51) »

:: Fabiolo (Pubblicato il 11/01/2021 06:44:28 - visite: 63) »

:: Autunni (Pubblicato il 05/01/2021 23:10:50 - visite: 66) »

:: Il volto dei poeti (Pubblicato il 28/12/2020 00:44:45 - visite: 54) »

:: Il muretto (Pubblicato il 28/12/2020 00:11:23 - visite: 57) »

:: Arrabbiature (Pubblicato il 22/12/2020 07:34:49 - visite: 64) »

:: Morale (saffica) (Pubblicato il 17/12/2020 02:36:49 - visite: 83) »

:: Le chat - Il gatto (Pubblicato il 16/12/2020 10:53:06 - visite: 74) »

:: Il bianco ed il nero (Pubblicato il 16/12/2020 10:48:48 - visite: 52) »

:: Il mio cane assassinato (Pubblicato il 16/12/2020 10:27:01 - visite: 43) »