Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 329 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 28 03:45:16 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Martirio di Santa Margherita

di Michele Schicchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/12/2018 23:51:30

Nel taglio degli occhi uno sbaffo,
il mascara.
Che mai ti lamenti
se ti chiamo a quest’ora?
Col rossetto appassito: ti voglio.
Tu mi guardi, il corpo tace
io m‘addentro e siamo lì,
come per ogni allineamento...

della luna! La luna piena...
e mi grida e mi fissa la pupilla
che si dilata e sono qui
irsuto, col fuoco, le membra, alieno.
L’azione spiega da me e volteggia

ologramma che galleggia lì davanti

ad ogni inspiro.
E tu, Dea che fu
omissione di soccorso
ultima della dinastia, reato incompiuto.
Tu che misera ogni sera
te ne stai sul divano

piena di routine, ma che vedi?

Le dita affondano nella carne mobile
e sospiri ed inspiri:
sarà per quel neo nero solitario sulla schiena
o per quello sbaffo bianco:
mi son perso,
ma son stanco
ed espiri.
E galleggia.
Ed i suoni e la luce in particelle
fendon l’aria,
si ritrae geometrico il volto di se stesso:
e le membra, e le smembra
e la lama fende l’aria
e gli schiocchi, e gli schizzi
fissi gli occhi.
Dea che sei:
nei templi echi d’odi
dalle ere che furono,
negli affreschi uomini proni
da cornice nei deserti,
i sepolcri ormai scoperti
e quei campi
ormai cosparsi di scheletri e di sale
e tu, che sei solo carne umana
e mi trovi ancora ingiusto
se ti faccio del male.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Michele Schicchi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Michele Schicchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Besar 14 (Pubblicato il 26/10/2012 21:05:45 - visite: 723) »

:: Immenso 8 (Pubblicato il 02/02/2012 15:11:16 - visite: 894) »

:: Immenso 2 (Pubblicato il 01/02/2012 00:48:08 - visite: 797) »