:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 241 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 16 11:31:33 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Scafatamente

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/04/2019 16:46:47

 

 

Respirate, respirate, come me

il mare profondo è paradosso

quello che manca in tanto pieno

è il vuoto

mancano gli unicorni

una botola per il centro liquido della terra

un’imprecazione

tu sola che mi ascolti

o forse lo fai con il lato sinistro,

perché scrivere romanzi?

Avere milioni di lettori

dare in affitto le proprie pene

a un modico prezzo,

pensieri al macero

nei mercatini dell’usato.

Presso le fonti delle cascate

come in un ologramma cinese

le luci false si accendono

e le porte sono chiuse

a chi le guarda la vita è sufficiente

trova i cavallucci marini

nel bicchiere di sanbitter.

Respirate, respirate, vi prego

la sera arriva

o forse è già arrivata

le frenesie si irrigidiscono nella loro solitudine

lei chatta con chissà chi

o naviga su Pinterest

 

e non c’è dolore

se non ti aspetti

che il postino suoni alla porta

o

passi il treno;

 

meglio essere solitari per scelta

che soli per mandato.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giovanni Rossato, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Rossato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il giudizio degli alberi (Pubblicato il 17/05/2022 16:18:29 - visite: 32) »

:: Collisione con un fantasma (Pubblicato il 26/04/2022 22:29:47 - visite: 62) »

:: Tempo alla fine del tempo (Pubblicato il 12/04/2022 16:52:43 - visite: 86) »

:: What love got to do? (Pubblicato il 28/03/2022 23:17:10 - visite: 97) »

:: Giorni (Pubblicato il 10/03/2022 00:06:03 - visite: 92) »

:: Il tempo che viene dopo (Pubblicato il 22/02/2022 17:18:43 - visite: 55) »

:: Scritto sulla sabbia (Pubblicato il 05/02/2022 23:27:47 - visite: 117) »

:: Senza futuro mi riposo sui miei passi (Pubblicato il 20/01/2022 16:47:20 - visite: 84) »

:: Sussistenze (Pubblicato il 07/01/2022 21:15:35 - visite: 131) »

:: Nessuna notte (Pubblicato il 30/12/2021 22:33:28 - visite: 78) »