:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 86 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 6 06:12:11 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’età più felice

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/01/2023 16:42:32

L’ETĀ PIÙ FELICE

Francesco Maria aveva sempre gioito intimamente per essere venuto al mondo esattamente cento anni dopo la nascita di Giovanni Pascoli.
Fin da bambino, aveva respirato il senso di familiarità con il poeta, familiarità trasmessagli dalla madre e dalla zia che parlavano di Pascoli come se fosse un parente.
In Pascoli vedeva, respirava la campagna e il mondo della campagna era il suo mondo: quel mondo primigenio che gli aveva regalato colori e sapori inalienabili.
La campagna era zolla dura, distesa verde, e poi granaio e cantina. Ricchezza e bellezza. Libertà e dominio.
La campagna era Virgilio e Orazio, Verga, Tolstoj e Pavese. E Pascoli.
Come Tolstoj sentiva di amare i contadini.
Da piccolo aveva coltivato per un contadino, che lavorava la terra dello zio materno, un sentimento d’affetto, rivolto a una realtà fatta di parole essenziali, calore e ruvidezza. E attrazione per il passato dell’uomo che era sopravvissuto alla campagna di Russia e che, forse, durante gli assalti aveva ucciso.
Nelle giornate brumose, lo seguiva mentre zappava la terra e si fermava di tanto in tanto per sputare la saliva sui palmi. L’uomo canticchiava delle piccole filastrocche, talvolta dal contenuto osceno, che si ficcavano nella testa del bambino come schegge permanenti.
Nel tempo, il legame con la campagna era rimasto fisso. La trebbiatura sull’aia, l’uccisione del maiale, la semina e l’aratura erano riti sacrali che scandivano le fasi dell’anno, cicli dell’esistenza.
Gli umori del terreno asciutto e bagnato, il guizzare dei ranocchi nei fossi, le avellane sparpagliate sotto la siepe di biancospino rappresentavano l’alveo in cui Francesco Maria si era disteso e in cui voleva rimanere.
Era fonte di esaltazione e conferma che il poeta della sua terra avesse cantato la vita della campagna e gli elementi della natura con tutta la loro carica simbolica ed evocativa. Tanto più che il verde argenteo dei pioppi, il giallo accecante del grano, il rosso carne delle bestie macellate andavano a comporre i soggetti pittorici delle tele paterne, ispirate agli impressionisti.
In cuor suo sapeva che non avrebbe mai lasciato la casa di campagna.
La cugina, invece, che abitava a pochi metri di distanza, aveva vocazioni diverse. Forse perché oppressa dalle coercizioni del padre, votato alla assoluta difesa del possesso di quei beni, o forse per naturali esigenze caratteriali, voleva esplorare orizzonti nuovi, convinta che ne esistessero di più interessanti, e, forse, da sempre intenzionata a stabilirsi altrove.
-Subirai l’espiazione dello zingaro- le diceva Francesco Maria scherzando- tu sogni il mondo borghese.
-Non coltivo l’ideale dell’ostrica- gli rispondeva, pure con tono scherzoso, lei di rimando.
Infatti, la cugina lasciò la casa paterna per motivi di lavoro trovando la sua definitività da un'altra parte.
“Io, la mia patria or è dove si vive, gli altri son poco lungi in cimitero” recitò un giorno, dopo la morte dei genitori.
Purtroppo, per un avverso gioco del destino, la casa natale della cugina, quella casa in cui Francesco Maria aveva trascorso i primi quattordici anni della sua vita, andò a fuoco a opera di ignoti e ciò rappresentò per lei “l’espiazione dello zingaro”.
La cugina pianse lacrime amare e anche Francesco Maria che, per radicato spirito di conservazione, si offrì di riparare, a una cifra di simbolica compravendita, il locus amoenus della sua infanzia.
Se avesse lasciato che le sue radici venissero recise e che qualche cuculo ozioso avesse preso possesso della dimora nido materno, trasformandola, non se lo sarebbe mai perdonato.
Lì, tra l’argenteo dei pioppi, avrebbe potuto rivedere la trebbiatura sull’aia, il guizzare dei ranocchi nei fossi, il volo degli stormi ad alta quota, la zappa del contadino ricadere sulle zolle dure.
Lì si sarebbe specchiato e avrebbe ritrovato se stesso nei muti testimoni della sua età più felice: i gelsi centenari, la facciata vetusta, la carrucola arrugginita del pozzo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La benedizione (Pubblicato il 03/01/2023 09:30:09 - visite: 85) »

:: Flash (Pubblicato il 27/12/2022 16:03:01 - visite: 80) »

:: Centralità (Pubblicato il 10/12/2022 12:42:23 - visite: 90) »

:: Lo scopo (Pubblicato il 03/12/2022 07:41:35 - visite: 86) »

:: Le cornici (Pubblicato il 30/11/2022 17:49:06 - visite: 91) »

:: Il profumo alla violetta (Pubblicato il 27/11/2022 17:44:31 - visite: 87) »

:: Per una casa (Pubblicato il 07/11/2022 14:32:02 - visite: 106) »

:: Trovare le parole (Pubblicato il 19/10/2022 13:18:39 - visite: 119) »

:: La visita (Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44 - visite: 193) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 275) »