:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Il riconoscimento

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/11/2023 11:39:49

IL RICONOSCIMENTO

Lo chiamavano Il Matto e matto sembrava davvero o almeno un po’ strano. Per gli atteggiamenti, per come si vestiva e come teneva la casa. Era un tipo inconsueto, insomma, uno di quegli strampalati che si ritrovano in tutti i paesi.
Abitava in campagna, appena fuori dal centro cittadino, in una casa malandata, con le grondaie da rifare, le persiane sbreccate, il fumo della stufa che, nel periodo invernale, usciva da un buco della finestra.
Allevava anatre, oche, polli e conigli che occupavano il cortile privo di erba e attraversato da una canaletta di scolo. C’erano qua e là stie, sacchi, gabbie di vimini, attrezzi da contadino, assi, qualche mobile scaraventato all’esterno e abbandonato sotto il sole e le intemperie. E l’odore del mangime misto a quello degli escrementi.
Non era riuscito a concludere gli studi da ingegnere, non aveva l’energia. Troppe ore di applicazione, troppa concentrazione per uno col turbinio dei pensieri proiettati altrove. E poi, quando si è abituati alla libertà della campagna, non ci si può costringere per tempi lunghi al tavolino. Si ha bisogno di correre fuori, di sentire il profumo dell’erba, delle cortecce, delle zolle. Dell'aria pura.
Quando tornava dal Liceo, mille anni prima, dopo quindici chilometri di bicicletta, trovava la madre vestita di scuro, gli zoccoli ai piedi, che andava su e giù per la cucina affumicata con in testa il pensiero della cicoria da tagliare per gli animali. Il tavolo era ancora spoglio. Sulla stufa bolliva l’acqua della pentola.
Lui avrebbe fatto l’allevatore, anche di agnelli e di capretti. L’ingegnere no.
Però l’idea di costruire, di assemblare, gli era rimasta.
Portava a casa ogni attrezzo in disuso, trovato nei cortili vicini e lontani, come vecchie turbine, motori, ingranaggi obsoleti di macchine, manubri di biciclette, volanti di automobili, e li assemblava creando nuovi oggetti, performance di scultura.
Li aveva disposti in fila parallela alla rete metallica che dava sulla strada, in modo che la gente vedesse. La gente passava in fretta in macchina e non guardava o guardava distratta. È un originale. È fatto alla sua maniera. Mancava solo che aggiungessero chissenefrega. E poi l’odore che proveniva dal cortile, quella miscela di mangime e di sterco, allontanava.
Una volta, davanti al cancello si era fermato il prete in bicicletta. Le anatre starnazzavano, le oche procedendo nel fango con i palmati avevano fatto l’atto di avventarsi contro l’uomo in clergy . Il cane dietro il recinto si era messo ad abbaiare. Finalmente, era comparso il padrone di casa. Con una vecchia giacca a brindelli e un martello in mano.
-Ho notato i tuoi lavori. Sono molto belli, sai? - la voce del prete da dietro la rete oltrepassava il baccano delle anatre e delle oche.
-Le piacciono?
-Ho visto che c’è anche la Sacra Famiglia. Un po’ inquietanti i visi fatti con quelle maniglie di bombole, ma originali.
-Eh, sì.
-Sai, mi piacerebbe che quest’anno il presepe nel sagrato si facesse con i tuoi lavori.
Il Matto aveva abbassato la testa. Poi l’aveva rialzata. Gli era uscito un balbettio:
-Ma se non pia...c...ciono?.
-Sì che piacciono! Manderò qualcuno col furgone a caricare le tue opere.
Quando il prete riprese la bicicletta e scosse la rete metallica, il cane ricominciò ad abbaiare forte.
Lui girò le spalle e, mentre si abbassava per togliere l’acqua sporca da un abbeveratoio, si chiese se dovesse considerarlo un gesto di apprezzamento o di pietà.
Dopo qualche settimana, all’inizio di dicembre, la composizione venne collocata nello spazio antistante la chiesa. Alcuni si entusiasmarono, altri fecero le facce storte. Quelle torri di batterie a fungere da corpi della Vergine e di S. Giuseppe lasciavano perplessi, per non parlare del Bambinello ricavato da un estintore.
- Ma don! Non le sembrerà mica questo il modo di fare il presepe? - chiesero due ferventi donne.
- Non vi piace?
- Me pias no- disse una.
- Dovete pensare al significato.
- Ma l’è un rebelot – disse l’altra.
- E' un'opera performante che rivela un talento non comune, ne sono sicuro. Ma se non rientra nei vostri gusti, dovete pensare all’impegno della persona che l’ha realizzata. Al suo mondo. E anche alla gioia che noi possiamo donare con questo riconoscimento, con questo piccolo gesto d’amore.
Annuirono.
-Ha ragione, don! Ha ragione.
Dissero insieme.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: A ciascuno il suo (Pubblicato il 29/11/2023 11:26:50 - visite: 56) »

:: L’occasione (Pubblicato il 22/11/2023 11:32:33 - visite: 100) »

:: Croste dure (Pubblicato il 03/11/2023 18:44:45 - visite: 121) »

:: All’amo (Pubblicato il 30/10/2023 15:12:35 - visite: 107) »

:: Nulla (Pubblicato il 20/10/2023 17:40:51 - visite: 115) »

:: L’imprevedibile (Pubblicato il 16/10/2023 17:53:17 - visite: 90) »

:: La rivincita (Pubblicato il 28/09/2023 20:50:58 - visite: 155) »

:: Resistere (Pubblicato il 20/09/2023 14:01:09 - visite: 138) »

:: I Poeti di Via Margutta (Pubblicato il 14/08/2023 20:01:42 - visite: 181) »

:: Vivere (Pubblicato il 22/06/2023 18:39:03 - visite: 230) »