:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 204 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 21 08:04:38 UTC+0100 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A gran voce

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/12/2023 20:41:51

A GRAN VOCE

Uno smargiasso. Ha sposato uno smargiasso l’avvocato Igea Fittipaldi e l’ha lasciato, naturalmente, così come ha lasciato la sua opprimente famiglia del Sud per venirsene a Milano. Cercava la libertà, il suo posto nel mondo, non accettava nessun ostacolo, nessun uomo troppo ingombrante, nessun quartiere occhiuto e limitato.
Palermo, però, le è sempre nel cuore e adesso che alla sera guarda la serie tv I leoni di Sicilia, il suo pensiero corre sui velieri che attraccarono e attraccano a quel porto.
Lei si occupa di diritti: dei minori, delle donne, degli immigrati. Conduce battaglie incandescenti, convinta del dovere, della necessità di essere sempre in prima linea o, almeno, si impegna per esservi. Non come quel mitomane del marito, inaffidabile, inconcludente e prepotente, che credeva di avere la meglio ma si è sbagliato di grosso perché lei non cede, non ha ceduto e lui ha dovuto arrendersi.
L’avvocato Fittipaldi partecipa a diverse iniziative e aderisce a una associazione di volontari che raccoglie fondi per gli immigrati africani, quelli che affrontano a costo della vita la traversata del deserto prima, del Mediterraneo poi.
Domani andrà a Pescara: salirà in visita su una nave che soccorre i profughi dei barconi stracolmi, profughi abbandonati in mare, per interpellare chi può fornirle i motivi di una nuova battaglia.
Ha fatto presente ai quattro dell’organizzazione che avrebbe bisogno di un passaggio in macchina da Segrate: si è offerto un ragazzo di buona volontà.
Forse è stata un po’ pretenziosa ma, d’altronde, se non ci si aiuta tra pari, se la solidarietà non è già insita e reciproca tra i membri della stessa organizzazione che perseguono lo stesso fine, che senso ha offrirla ad altri?
Sveglia alle cinque. L’appuntamento col ragazzo di buona volontà è fissato per le cinque e mezza. Alle tre ha già gli occhi sbarrati, non riesce a dormire. Pensa al dolore che vede da tempo, sa quanto gli uomini possano farsi del male.
Il viaggio Segrate-Orio si ravviva di chiacchiere semi confidenziali. Le ore sonnacchiose di una mattinata di dicembre si arrotolano nelle necessità logistiche: arrivo in aeroporto, parcheggio, controlli di sicurezza. Attesa, decollo, volo, atterraggio.
Il mare a Pescara è dell’azzurro che Igea Fittipaldi si attendeva e l’Ocean Viking all’ancora si staglia potente e misteriosa, ferma per adesso davanti al porto come vuole la politica.
L'avvocato ha ansia di salire a bordo dove operano i professionisti.
Le viene mostrata la postazione da cui con un binocolo si scruta l’orizzonte per scorgere il puntolino nero che indica l’emergenza tra le onde. Occorrono anni per imparare a distinguere una macchia scura,
Ci sono due container completamente spogli sul ponte: uno per gli uomini e un altro per le donne.
Chi dà più informazioni è un marinaio che ha girato il mondo sulle navi mercantili e che, dopo aver partecipato alla prima esperienza di soccorso, non ha potuto e non può più smettere. Dice che i corpi degli uomini ripescati dal mare sono imbevuti di salsedine e di nafta persa dai barchini: molti, oltre al sale e al carburante che lesiona loro la pelle, portano le ferite inferte nei centri di detenzione; perciò è necessario sottoporli subito alla visita medica e alle docce.
La prima frase che i salvati leggono, una volta saliti a bordo, è: -qui sei al sicuro- tradotta in tutte le lingue. Spesso i corpi, che occupano lo spazio sulla nave, sono talmente tanti che occorre un tempo inimmaginabile per andare da un punto all’altro.
Il marinaio racconta di un gruppo di migranti che, scambiando la motovedetta costiera per una nave libica, stava per autoaffondarsi con il gommone.
Igea pensa alla vergogna che provarono i soldati dell’Armata Rossa di fronte ai detenuti di Auschwitz, non solo per le loro condizioni ma soprattutto per ciò di cui i carnefici erano stati capaci.
Sente il magone che le comprime la gola e le impedisce di parlare.
Adesso, per la prima volta, le passa per la testa l’idea che quella col marito smargiasso sia solo una storia ordinaria che, al massimo, può alimentare normali contrapposizioni e chiacchiere.
Invece, far valere le ragioni del diritto di quei poveri disperati sarà il fine primo di una battaglia potente e inarrestabile, per la quale dovrà gridare a gran voce.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Schizzo (Pubblicato il 25/02/2024 12:32:21 - visite: 67) »

:: L’altrove (Pubblicato il 21/01/2024 11:37:50 - visite: 176) »

:: “Con la voce dolce più che niuna” (Pubblicato il 10/01/2024 11:39:09 - visite: 198) »

:: A mezzanotte in punto (Pubblicato il 01/01/2024 20:43:28 - visite: 130) »

:: Il cappotto (Pubblicato il 20/12/2023 09:16:21 - visite: 193) »

:: A ciascuno il suo (Pubblicato il 29/11/2023 11:26:50 - visite: 198) »

:: L’occasione (Pubblicato il 22/11/2023 11:32:33 - visite: 188) »

:: Il riconoscimento (Pubblicato il 13/11/2023 11:39:49 - visite: 183) »

:: Croste dure (Pubblicato il 03/11/2023 18:44:45 - visite: 177) »

:: All’amo (Pubblicato il 30/10/2023 15:12:35 - visite: 175) »