:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Poco allegretto”, di Manuel de Freitas [collana Poesia]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 366 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 27 11:31:06 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ermete Trismegisto nel cortile fermo

di Dereck Louvrilanmè
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/09/2020 17:14:56

 

Che razza d’acqua è questa? Piatta, in posa da granito. 

Stentorea per un lungo tratto - passo su quanto affiora.

La conoscenza si innalza ben oltre qualsiasi

punto di arrivo - e in più avanza.

Ormai anche l’acqua è diversa tra una razza e l’altra;

e traversarla implica un corrimano tra un dio 

e il prossimo - pure uno solo con se stesso

dov’è riposto - come un libro illegibile 

aspetta una mano che lo scelga.

“Quale pensiero mi fa nascere adesso che sia di me 

almeno un terzo?”

Ho preso visione dei cinque decenni e migliaia

di secoli. Ho ascoltato invocazioni da marmo,

ho risposto da muto dipinto come curvo, 

ho saldato le voci con velocità.

Un orecchio profondo mi fa sbarcare che tipo

le fascine autunnino prima al verde

prese dalla miseria quando si legna; 

sapere significa aver visto tanto - io, 

messaggero distratto dalle trombe dell’universo

che per me è questo vociare indistinto

venuto alla luce da occhi neri - e tocca ancora i sensi. 

Mi dà una mano l’idea che tira un dio - preambolo

del verbo dentro le forme.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dereck Louvrilanmè, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dereck Louvrilanmè, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Gioco di rimando (Pubblicato il 27/10/2021 17:29:36 - visite: 75) »

:: Ad ire (Pubblicato il 22/10/2021 14:01:23 - visite: 106) »

:: Halei (Pubblicato il 19/10/2021 15:24:49 - visite: 145) »

:: Ad agio (Pubblicato il 15/10/2021 10:18:09 - visite: 123) »

:: Ad ombra (Pubblicato il 09/10/2021 10:22:46 - visite: 86) »

:: Ad opera (Pubblicato il 05/10/2021 13:45:23 - visite: 153) »

:: Ad oro (Pubblicato il 01/10/2021 18:54:00 - visite: 117) »

:: Ad atto (Pubblicato il 25/09/2021 15:26:14 - visite: 114) »

:: Ad ora (Pubblicato il 07/09/2021 11:27:11 - visite: 153) »

:: Contrazioni (Pubblicato il 01/09/2021 11:43:04 - visite: 177) »