:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 159 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 31 11:56:54 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il suono antecedente . . . l’avverbiale

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/05/2021 10:04:52

Tenemmo fermo il petto alle  ginocchia,
per scambiare l'appena immaginabile
che prepara la prima glossolalia,
ricostruendo  immagini per gradi
per luogo di ferite e di servizio,
nel viaggio più notturno. Nella gola
 
mutammo il nostro carcere in un germe,
in un agnello liquido e fecondo,
ricettacolo, infine, benedetto
nostro compassionevole gemello.
 
Per pudore, con un fremito, tacemmo
che nel verde del sinoplo vive il rosso
dell'uccella nascosta dentro il seme.
 
( Se ci passi sopra gli occhichiari
puoi sentire ancora le incisioni della selce, trasmesse dal respiro, 
sulla roccia amante dei licheni.)
 
Fu allora che spruzzammo, 
_____________ con la bocca 
 
come piccoli strumenti per il fiato
che s’accordano l’un l’altro da principio
al suono antecedente
 l’avverbiale.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Se conoscere è fare l’amore (Pubblicato il 13/06/2021 17:33:33 - visite: 100) »

:: Benedetta giumella delle carezze (Pubblicato il 15/05/2021 10:49:29 - visite: 120) »

:: Nella casa del pane occorre fame (Pubblicato il 01/05/2021 23:09:39 - visite: 122) »

:: Il vento solare di Lucy (Pubblicato il 01/05/2021 15:05:05 - visite: 121) »

:: La sua prima voce di aprile (Pubblicato il 30/04/2021 10:38:50 - visite: 85) »

:: Col bisbiglio di una piccola ederlezi (Pubblicato il 28/04/2021 23:58:33 - visite: 149) »

:: Obbedisco (Pubblicato il 26/04/2021 22:30:44 - visite: 213) »

:: Dobbiamo essere meravigliosi (Pubblicato il 22/04/2021 22:56:30 - visite: 149) »

:: il sonnoazzurro (Pubblicato il 15/04/2021 22:44:05 - visite: 200) »

:: Il vuoto meraviglioso (Pubblicato il 13/04/2021 09:23:04 - visite: 298) »