:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 72 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Feb 4 21:33:21 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A città du liotru

di Giuseppe Stracuzzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/01/2023 15:17:01

 

Siamo a Catania

tra cielo sole mare

frotte verdi di agrumeti in fila,

siamo a Catania nella turbolenza

di traffico, di gente di negozi

dove respiro antico che si perde

tra vetrine affollate di colori

torna presente lungo le traverse.

Il Monte Bello

con la faccia di neve scintillante

guarda la sua città,

carezza suoi confini

con  ondate di sciara

ed odorosi arbusti di ginestra.

 

Ora siamo al centro di Catania,

l’Amenano che scorre sotto terra,

seppellito dal fuoco della lava

con la testa di toro e corpo umano

ancora scopre le leggende antiche,  

guarda la sua cascata

come un velo

che sgronda dalla vasca

e mormora pensoso mutamenti

della città che regge sulle spalle,

guarda gli occhi affacciati di turisti,

ascolta lampi di telefonini,

le sferzate di flash sulla faccia

e fuggitivo segue il suo cammino.

 

U liotru risiede in piazza duomo,

ora è passato il tempo

delle scorribande di Eliodoro

che a cavallo del mitico elefante

trottava il tempo antico,

il taumaturgo vescovo Leone

incolume protetto dalla fede 

non tollerò le gesta del maligno,

gli diede fuoco con la fiamma viva

del suo potere sacro esorcizzante

sciogliendo l’elefante dalle grinfie

del negromante.

 

Ora u liotru guarda con affetto

La cattedrale che gli sta di fronte.

L’elefante idolo pagano

sembra quasi voglia percepire

sacro sentore delle vie del cielo

e mostra drappi incisi

di Agata patrona di Catania, 

sulle sue spalle tiene l’obelisco 

che sostiene 

la Terra come un globo,

una foglia di palma raffigura

desolante martirio della Santa 

ed un ramo di giglio la purezza.

Sotto la croce in cima all’obelisco

iniziali osannano l’avvento

che liberò Catania dalla peste

e acclamano  Agata Patrona.

 

Nei giorni eletti della grande festa

esplode un grazie immenso della folla.

Balconi straripanti, luci, addobbi,

tappeti, fiori, fazzoletti bianchi

come morbide ali sventolanti 

dove perdura ancora il rito antico

della corsa nei sacchi che ricorda

la dea adorata dell’antico Egitto:

Iside regge il flusso di millenni,

percepisce la miseria umana 

e l'affidarsi al senso del divino.

 

L’acqua del mito, l’obelisco egizio

l’elefante idolo pagano,

scoprono il cristianesimo

con le immagini sacre della Santa.

 

A città du liotru dona esempi

di fratellanza delle religioni

come figlie

di un sentimento forte naufragato

nel mare della vita, tende al cielo

la mano,

buio incombe,

la fantasia che corre tra le stelle

sente il senso divino e si commuove,

ma l’incertezza irrompe.

La Fede unico faro apre la porta

al senso del  mistero

che il martirio di Agata e dei santi

effonde dentro l’anima del mondo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Stracuzzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Stracuzzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non smetterò di amarti (Pubblicato il 29/01/2023 18:32:31 - visite: 31) »

:: Dona ragione al cuore (Pubblicato il 15/01/2023 15:14:06 - visite: 68) »

:: Questo povero anno (Pubblicato il 05/01/2023 18:18:31 - visite: 39) »

:: Buon Anno a tutti voi (Pubblicato il 31/12/2022 23:15:36 - visite: 38) »

:: Natale oggi (Pubblicato il 21/12/2022 17:56:18 - visite: 70) »

:: Siamo a Dicembre (Pubblicato il 09/12/2022 13:46:53 - visite: 36) »

:: Tempo di Natale (Pubblicato il 04/12/2022 21:37:09 - visite: 41) »

:: Don Chisciotte (Pubblicato il 29/11/2022 15:24:08 - visite: 39) »

:: Caro cuscino (Pubblicato il 22/11/2022 19:40:47 - visite: 301) »

:: Dolce sentire (Pubblicato il 19/11/2022 21:10:03 - visite: 39) »