:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 67 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 23:38:25 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tacque anche il frusciar delle foglie

di Vincenzo Corsaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/06/2024 22:19:43

Beffarda la breve vita di un sogno,

tormentosa la luce del buio

grande come un fuoco di drago.

Viandante in perenne fuga dall’amore

e dai campi fecondi d'emozioni,

dai sogni e dalla gioia

dove il mio cuore provò

le ultime crudeli danze del dolore.

 

Camminai sulle braci

alla ribollente luce della luna

e inseguito dai ricordi andai sino alla fine degli orizzonti,

alla fine dei sensi

e nella fragorosa solitudine dei giorni

conobbi la violenza del silenzio,

assordato dall’eco della sua voce.

Fu allora che il tempo mi trovò e si distese su di me,

alla fine di un viaggio partito dalle rive dell’anima,

il dolore si fermò ai bordi del cuore

dove affamato incoccai la freccia della serenità.

 

Ma lei sembrò offrirmi ancora una speranza senza nome,

la speranza dell’amore

e il mio cuore volle crederci.

Nel mondo, tra la gente e la solitudine,

sul terreno impervio della speranza viaggiai,

accompagnato dai sogni di un amore ancora possibile.

Ma la mia bisaccia non era ancora vuota,

ricordi e dubbi l’appesantivano,

la mia anima levò il viso verso la lontana isola,

in un tumulto d'ali

le mie domande si levarono in volo verso essa.

 

E infine il responso,

dalla lontana isola al limitar del mare.

Piangente e triste lei scrisse sulla pergamena,

e vidi nel celato addio

crollare e rinnovarsi il mondo

sulla punta di una penna.

E lì la scelta apparve crudele,

avvolta da rimpianti e ricordi,

annunciando il terribile dilemma:

dimenticare la speranza dell’amore

e tornare a un mondo grigio

ma con la serenità nel cuore,

oppure cavalcare il drago bianco

e lottare per qualcosa che non esisteva più.

Amarissima scelta per me,

sotto la nera luna che risucchiava la mia anima.

 

Alla fine giunse il momento

e i cieli stessi attesero tremando.

In sella al Drago Bianco,

sorvolando i sentieri di ricordi sbiaditi,

giunsi dove giaceva il mio cuore

assediato ancora dai dubbi.

 

Tacque anche il frusciar delle foglie,

e nell'indicibile silenzio

presi la mia decisione,

il mio cuore ricacciò i dubbi

in fondo al passato

e la serenità ritornò a fiorire.

Meraviglia della libertà,

meraviglia della luce e dei colori!

Il mio cuore seppellì

un amore ormai appassito

ai piedi dell’arcobaleno

e quando vi ritornò tutto era sparito,

la speranza, l’amarezza, l’amore stesso.

 

Ma quando i pensieri accarezzano il suo ricordo,

indugiano le immagini

di un uomo e di una donna

sulle colline,

sui sentieri,

sui campi fecondi d’amore…


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vincenzo Corsaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vincenzo Corsaro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il fiore del sorriso (Pubblicato il 14/06/2024 17:48:16 - visite: 40) »

:: Grazie ancora (Pubblicato il 10/06/2024 17:09:28 - visite: 62) »

:: Il custode dell’anima (Pubblicato il 05/06/2024 15:23:13 - visite: 82) »

:: Una nuova voce (Pubblicato il 30/05/2024 11:27:58 - visite: 91) »

:: Nido d’illusioni (Pubblicato il 22/05/2024 12:30:53 - visite: 105) »

:: Il fardello della vita (Pubblicato il 18/05/2024 13:07:26 - visite: 100) »

:: Abbraccia la mia solitudine (Pubblicato il 15/05/2024 10:34:47 - visite: 95) »

:: Ode alla morte (Pubblicato il 08/05/2024 16:20:05 - visite: 135) »

:: Alla fine dell’arcobaleno (Pubblicato il 01/05/2024 10:41:18 - visite: 120) »

:: La mente è il limite, l’anima l’infinito (Pubblicato il 19/04/2024 08:58:22 - visite: 125) »