:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Senza titolo

di Cosimina Viscido
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/10/2010 15:09:57

Era un continuo giochi di sguardi e di intese, di assenze e di silenzi. Mi divertivo a darmi e a ritrarmi, ad immergermi nel suo sguardo per poi negargli i miei occhi...volevo farlo indispettire.
Il mio estro, il mio ego artistico, rifiutavano la banalità delle accondiscendenze, il patteggiare con una personalità così “quadrata”. Dovevo esasperarlo, dovevo far emergere dalla sua anima il suo lato più carnale e primitivo...volevo essere la sua preda, volevo farlo divenire pura essenza animalesca...
E mentre continuavo a farlo indispettire, a privarlo della certezza di ciò che sarebbe stato sapevo che presto sarei stata sua e più la mia consapevolezza cresceva più aumentava anche la cattiveria nel sottrarmi allo spazio che lui stava creando per noi.
Di li a poco mi avrebbe posseduta tanto fino a rendermi sua schiava e sua geisha.

...Il solo assaporare il suo respiro mi fece perdere ogni decenza. Sentivo il suo fiato sul collo ed io ero pronta ad essere la sua fiera...mentre le sue mani affondavano prepotenti nella mia carne io affondavo sempre di più nella profondità della sua anima.
Ero il nulla, nelle sue mani,tra le sue braccia, immersa nel suo odore...riusciva ad amalgamarmi e distruggermi...ora a volermi donna e ora bambina, ora amante e ora moglie...bastava solo che lui lo volesse, semplicemente il suo desiderio ed io ero tutto ciò che poteva estasiarlo, lo avrei fatto affondare nella mia passionalità, inebriato dalla mia femminilità...

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Cosimina Viscido, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Cosimina Viscido, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Lettera d’ amore (Pubblicato il 15/08/2010 02:02:42 - visite: 918) »