Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 735 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 25 19:22:30 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

(Le) ispirazioni

di Francesca Pardini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/03/2011 01:12:12

(Le) Ispirazioni

 

Stan sugli spigoli come  pulviscoli di polvere in attesa di un verdetto,

in balia di un attimo da cui dipende il proprio tetto;

Abbagli mentali che voglion essere inseguiti,

giocano  a nascondersi, per non essere percepiti,

e ogni tanto li vedi riapparire,

 in una pressione che ti incalza a  proseguire;

 Son cantilene di maree che ondeggian senza sosta,

per  divenir trombe d’aria che sbattono alla porta,

arroganti, con la pretesa di uscire irrefrenabili,

ma come piume che scendono dall’alto, son sempre inafferrabili;

Son pesci che zampillano sul limite dell’acqua,

a combatter con qualcuno che gli dà la caccia,

e come loro sospesi dentro e fuori

così esse, ad ansimar respiro appresso a degli umori;

Son  bolle d’acqua che spariscon a uno schioccar di dita,

son ali di farfalla, delicatezza in gioco con la vita:

han vita breve, non duran più di un giorno,

e lì le devi far volare, senza aspettar invano un loro ritorno.

 

                                                          Francesca Pardini

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesca Pardini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesca Pardini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Tacco sull’asfalto (Pubblicato il 23/03/2011 23:27:56 - visite: 807) »