Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1051 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 21 12:44:10 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A Daniel Halévy

di Marcel Proust (Biografia)

Proposta di Giuliano Brenna »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/01/2008


I primi versi di Marcel Proust

[Domenica 13 maggio 1888]

A Daniel Halévy.

A Daniel Halévy, mentre lo guardo durante il primo quarto d'ora di punizione.

Tamisé, le soleil égoutte ses pleurs d'or
Sous la paix du sapin vénérable qui dort
Tamisé, le soleil sème des taches blanches
Aux pieds des vieux sapins violés de pervenches.

Tamisé le soleil attiédit ses opales
Sur la fraicheur des lacs nimbés de brouillards pales
Rève morbide!... O Roi cruel, jeune Tueur
Père accablant du lourd sommeil de la sueur.

Depuis l'éternité du Rève tu tourmentes
Les hommes musculeux, les vierges charmantes
Et tu mets l'aiguillon du Mal dans leur néant
Tu lasses de lumière ô Roi très accablant
Et je sens m'irriter lentes et douloureuses
Des splendeurs de soleil et des paresses d'yeuses
Dormant à l'ombre au lourd soleil, en plein midi.

Puisque je suis rivé par le Rêve mauvais
A ton exécrable Palais.
Pour la vie Ô Soleil. Du moins je te maudis
Et je veux chaque jour saigner ton sang, ta mort

Je te maudis au nom des pâles noetambules
Des assoiffés de métalliques erépuseuIes
Qui déçus dans Ieur rêve héroïque et troublant
Te maudissent ôRoi cruel farouche et blanc
Et songent aux fraîcheurs bleuissantes des nuits
Près des mystique [sic] chats ..................

Smorto, il sole stilla lacrime d'oro
sotto la quiete del venerabile abete che dorme;
smorto, il sole semina macchie bianche
ai piedi dei vecchi abeti violati di pervinche.

Smorto il sole intiepidisce gli opali
sui freschi laghi nimbati di brume pallide.
Sogno torbido!... O Re crudele, giovane Assassino,
Padre opprimente del sonno greve di sudore.

Sin dall' eternità del Sogno tormenti
gli uomini muscolosi, le vergini incantevoli,
e metti il pungolo del Male nel loro nulla,
la tua luce è stanchevole, o Re sì opprimente,
e mi irritano i lenti e dolorosi
splendori solari e la pigrizia dei lecci
addormentati all' ombra del sole grave, in pieno meriggio.

Poiché sono inchiodato dal Sogno malvagio
al tuo esecrabile Palazzo,
per la vita, o Sole, almeno ti maledico
e voglio ogni giorno far scorrere il tuo sangue, la tua morte;
ti maledico in nome dei diafani nottambuli,
degli assetati di crepuscoli metallici
che delusi nel loro sogno eroico e inquietante
ti maledicono, o Re crudele spietato e bianco,
e pensano alla frescura azzurrata delle notti
accanto ai mistici gatti ..................

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuliano Brenna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuliano Brenna, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Da una barca a vela #CherchezlaFemme , di Armando Saveriano (Pubblicato il 12/07/2018 09:12:32 - visite: 529) »

:: Laissez pleurer mon cœur entre vos mains fermées , di Marcel Proust (Pubblicato il 13/07/2013 12:40:20 - visite: 1356) »

:: cxvi , di Giovanni Stefano Savinio (Pubblicato il 01/06/2013 12:46:12 - visite: 1105) »

:: Sonetto de l’Asino , di Giordano Bruno (Pubblicato il 01/03/2010 15:36:52 - visite: 2095) »

:: A Zacinto , di Ugo Foscolo (Pubblicato il 06/03/2009 11:07:16 - visite: 1161) »

:: La tristesse dans le parc , di Anna de Noailles (Pubblicato il 06/01/2009 00:00:49 - visite: 1195) »

:: Sono la donna che si è svegliata , di Meena Alexander (Pubblicato il 19/11/2008 16:50:44 - visite: 1277) »

:: Chi sono? , di Aldo Palazzeschi (Pubblicato il 08/10/2008 15:39:47 - visite: 1153) »

:: L’automne , di Anna De Noailles (Pubblicato il 22/09/2008 14:17:35 - visite: 1229) »

:: El tango , di Jorge Luis Borges (Pubblicato il 14/05/2008 - visite: 2722) »