Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1350 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 6 01:01:15 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Incredibile, la poesia in televisione

Argomento: Poesia

Articolo di Alberto Dentice 

Proposta di Giuliano Brenna »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/06/2013 11:18:11


Un esperimento, in onda su Rai Tre che prova a portare sul piccolo schermo la lettura poetica. Sette autori, da Cucchi a Magrelli, da Pierini a Calabrò, leggono i loro brani come fossero cantanti in un videoclip. Una buona idea e in quanto tale, in onda dopo mezzanotte(10 aprile 2013)Si può portare la poesia in tv, usando con creatività il mezzo televisivo, rispettando i poeti e la poesia? Dalla voglia di provare a dare una risposta positiva a questa domanda nasce PoetryClip. Programma in due puntate in onda su Raitre l'11 e 18 aprile prossimi alle 01,05. Poesia da vedere o, se preferite, brevi film per le orecchie da ascoltare anche con gli occhi. Per sperimentare una via innovativa gli autori del programma, Vanni Pierini e Sandro Vanadia, che firma anche la regia, hanno scelto di realizzare dei veri e propri videoclip coinvolgendo nell'operazione alcuni tra i più noti e interessanti poeti italiani: Silvia Bre, Corrado Calabrò, Maurizio Cucchi, Valerio Magrelli, Vanni Pierini, Valentino Zeichen.

"Give Poetry a Chance" verrebbe da dire parafrasando John Lennon. Anche se qui i poeti "cantano" le proprie poesie senza accompagnamento musicale, senza alterarne il codice espressivo fidando esclusivamente nel ritmo e nel potere della parola. Tutto ciò di cui la poesia ha bisogno.

 

A fare la differenza sono la regia e la sceneggiatura: le immagini a volte seguono il testo, altre volte fanno da contrappunto alla lettura con caleidoscopico effetto moltiplicatore sui nessi e le metafore. Valerio Magrelli, sospeso nel vuoto sulla piattaforma di un cantiere edile evoca vertigini da "Tempi moderni". Il suo "Coro della legalità" affronta il nodo fondamentale di ogni democrazia: «Legalità è legittima se lega il forte e tutela il debole. E' il nodo che scioglie l'umano legandone i legami. Non c'è legalità fuori da quel legame dove si restringe per meglio liberare».

Seduto al volante nel traffico cittadino, Corrado Calabrò, interpreta "Chiamata non risposta" interrotto ossessivamente prima da una suoneria poi da un'orchestra di cellulari in uno sconsolato video gioco a sfondo sentimentale.

Ritratto in un interno neorealistico in bianco e nero Valentino Zeichen con la sua "Apocalisse per l'acqua" mette in guardia i pochi ottimisti rimasti: «Non coltivate eccessive illusioni che la decadenza dell'Occidente trovi la sua controtendenza in un originale capovolgimento, che i piedi gommati prendano il posto dovuto alla testa e inventino nuovi passi danzanti».

E del resto i tempi sono quelli che sono: «Siamo spiacenti di annunciare al mondo che lo spirito è sceso molto in fondo nella scala dei sogni e dei bisogni», recita Vanni Pierini, nei panni di un laconico mezzo busto televisivo, mentre grazie all'effetto "morphing" dell'animazione il suo volto muta d'aspetto e le parole fuoriescono da labbra sempre diverse.

Ognuno di noi contiene dentro di sé una moltitudine, diceva Walt Whitman. E sebbene gli autori di "PoetryClip" non si aspettino che basti associare immagini a testi "recitati" per coinvolgere un pubblico «paragonabile a quello della musica» è certo che di questa moltitudine fa parte anche il poeta che è in noi. Le folle che animavano il festival di Castel Porziano sono ormai un ricordo lontano, ma l'amore per la poesia è sempre vivo. «La poesia è un gioco da tavolo, come gli scacchi, stessa difficoltà, stesse regole matematiche», precisa Valerio Magrelli, «Ma non è un gioco elitario. E' solo questione di educazione e abitudine. In Russia gli scacchisti sono milioni».

Ottima idea dunque quella di colmare un vuoto – meglio la voragine – che connota a questo riguardo la programmazione televisiva, per divulgare e far circolare in forme inedite e non accademiche il messaggio formale, culturale e civile della poesia contemporanea. Peccato che, come sempre, quando si tratta di "cultura", le buone idee siano relegate in un orario così penalizzante.

 

Da: http://espresso.repubblica.it/

 

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/incredibile-la-poesia-in-televisione/2204449/9


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuliano Brenna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuliano Brenna, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cucina ] Il brodo secondo Escoffier , di Oretta Zanini de Vita (Pubblicato il 25/06/2015 14:32:45 - visite: 1634) »

:: [ Società ] Il nucleare e l’acqua: nessun dorma , di Stella Bianchi - L’Unità (Pubblicato il 06/04/2011 00:32:47 - visite: 1341) »

:: [ Società ] Intervista ad Alberto Arbasino , di Malcom Pagani (Pubblicato il 03/04/2011 16:07:07 - visite: 2703) »

:: [ Società ] La privacy del Cavaliere , di Eugenio Scalfari (Pubblicato il 30/01/2011 20:12:10 - visite: 1097) »

:: [ Storia ] Ipazia, o della laicità , di Michele Martelli (Pubblicato il 10/05/2010 22:21:15 - visite: 1521) »

:: [ Società ] Benedetto XVI ha fallito , di Hans Küng (Pubblicato il 17/04/2010 17:00:29 - visite: 1463) »

:: [ Politica ] Il ministero dell’amore , di Piero Ignazi (Pubblicato il 21/03/2010 21:23:05 - visite: 1195) »

:: [ Politica ] Il cinismo dell’eminenza , di don Paolo Farinella (Pubblicato il 07/03/2010 22:59:32 - visite: 977) »

:: [ Ecologia ] Il delirio della maggioranza , di Antonio Cianciullo (Pubblicato il 31/03/2009 15:31:46 - visite: 1356) »

:: [ Religione ] Santo Sepolcro, maxirisse e assolutismi religiosi , di Michele Martelli (Pubblicato il 16/01/2009 12:00:37 - visite: 1223) »