Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 04/05/2015 12:00:00
Pagina aperta 1461 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 8 10:56:00 UTC+0100 2021

Biancospini nelle cattedrali di pietra

di Anna Guzzi (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Nella cattedrale bianca dipinta

A Illiers-Combray, mentre il crepuscolo

spegneva il museo, tormentandone i contorni,

penetrai nella chiesa bianca di Sceral,

tra colori ad olio e velature di cera d’api.

 

Le linee flessuose degli archi continuavano

i sentieri del bois de Boulogne,

rubando gemme di luce infinita al cielo,

e quel brillio corrodeva i confini del quadro,

traboccava, colpiva lo sguardo.

 

Aveva un alfabeto di sculture in pietra

e pinnacoli intermittenti la cattedrale:

mormorava all’orecchio attento

attraverso le penombre, gli angoli tetri,

percorsi da flash zaffiro e legati

a oscure memorie d’infanzia.

 

 

La Vergine del biancospino

Un raggio fremente di luna portò aromi di collina

nella cattedrale di Bourges, un sapore forte di papavero

e maggiorana che toccava le linee rilevate

del rosone, le volte a raggiera.

 

In un angolo della navata grigia, Babuk, a quel bagliore

lunare, guardava le solenni storie di pietra,

gli sprazzi di tenebra nella luce,

lo splendore infinito del cielo.

 

Terra e cielo si toccavano, ai suoi occhi di folletto,

in un nodo preciso: nel portale, nei biancospini scolpiti

che imitavano la ghirlanda della Vergine Maria, intorno al collo sottile.

Gli sembrava di sentirne l’aroma pungente.

 

Ecco, proprio lì, nei fiori di biancospino,

il buono della terra si raccoglieva, come grani di sabbia,

prima dispersi e ora radunati dal vento in una duna;

come mille gocce di rugiada, riunite dalla mano di un bimbo,

trasformate in pioggia fresca per i campi dei papaveri.

No, non gli piacevano le Madonne

coperte da strati d’oro, perle e smeraldi, lamine di bronzo

che nascondono il profilo puro delle forme.

Le vedeva mentre soffocavano, come iris dalla corolla

piegata al seno al quale abbiano rubato l’aria, il respiro.

 

Un petalo candido, sollevato dal vento notturno,

un soffio di biancospino,

volò nella navata tra gli archi acuti e gli organi maestosi.

Babuk lo raccolse ai suoi piedi.

 

 

Le foglie del bois de Boulogne

Le foglie secche del bois de Boulogne mostravano

nervi giallognoli, fili purpurei;

l’autunno si annunciava già, intenso e triste,

nell’orizzonte tagliato da nuvole.

Babuk ne vide i riflessi sulle trasparenze del lago,

accanto a un cigno, assopito, solitario.

 

Con quelle foglie avrebbe intrecciato presto

una poltrona magica e sarebbe volato nella stanza di Marcel,

avvolta da mantelli d’aria calda, fra i riverberi dei tizzoni ardenti.

Il suo sguardo avrebbe inseguito il chiaro di luna,

disteso sulle imposte della finestra sigillata.

Avrebbe acceso quella candela di Combray

che, spegnendosi, rendeva troppo oscura la notte

e trasformava il fischio del treno in un tetro canto di foreste.

 

Chissà, forse avrebbe visto anche la camera

con le cortine viola, ancora nuove,

nemiche, insolite, come la luce

sott’acqua alla quale gli occhi faticano ad abituarsi.

 

In quell’istante il pensiero di Marcel

si sarebbe allungato per tutta la stanza,

coprendone l’altezza, velando

le pareti di mogano e le tende di lino.

 

E lui ne avrebbe colto subito un barlume

da incidere su una foglia

di quercia del suo bois de Boulogne.

 

 

Poesie quarte classificate nella prima edizione (2015) del Premio Letterario Nazionale indetto da LaRecherche.it: Il Giardino di Babuk - Proust en Italie

 

Leggi l'eBook del Premio

 

 


# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »