Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1118 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jan 9 11:58:53 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Colei che trascina il masso

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/05/2008

Il mio nome era, tradotto nella vostra lingua, “Colei che trascina il masso”.
Mia madre era al nono mese e sedeva con le altre donne nel tepee a noi destinato quando il fuoco, al centro della tenda, diventò più sfavillate: entrò in trance. Tutte la udirono parlare con voce tonante e le sue parole furono: “Con la luna nuova partorirai una femmina: il suo nome sarà “Colei che trascina il masso” e quando vedrà il sangue bagnarle le vesti dovrai legarle una grossa pietra alla vita e la dovrà trascinare per sempre.”
Fu così che, quando ad undici anni, ebbi le mie prime mestruazioni, le donne mi portarono alla sorgente sacra, mi lavarono e purificarono aspergendomi d’acqua con rami fioriti presi sul terreno sacro dove giacciono, adagiati sui rami degli alberi, i nostri morti. Poi, mi fecero indossare una veste di pelle di cervo e legarono una fune alla mia vita ed al capo opposto, ben stretto, un masso bianco. Poi piansero, urlarono e danzarono. Infine, facemmo ritorno al villaggio.
Stringevo i denti mentre le lacrime mi scendevano lungo il viso ed il sangue lungo le cosce. Il sasso pesava terribilmente. Camminando mi aiutavo con le mani ma spesso cadevo. Le altre donne, piccole e grandi, non mi guardavano perché io non provassi vergogna. Così, nel silenzio e senza aiuto alcuno, raggiunsi la tenda di mio padre.
Da quel giorno feci ogni cosa trascinando la mia pietra. Ogni anno veniva cambiata con una più grande, perché il peso fosse proporzionato alla mia crescita. Raccoglievo legna, prendevo acqua, cercavo bacche: tutto tirando, come un cavallo da soma, il mio fardello.
L’inverno era il momento più terribile: nella neve il sasso affondava e allora dovevo spingerlo per poterlo spostare. Le mani inerti si coprivano di tagli e geloni, la schiena si spezzava e, al disgelo, tutto si ripeteva con il fango nel quale scivolando, cadevo, imbrattandomi il viso e le vesti.
Anche mentre dormivo dovevo rimanere unita al mio masso che ormai era mia madre, mio padre, mia sorella, il mio sposo.
Poi, dopo tante primavere, una notte sognai un grande uccello che volava verso la cima delle montagne. Il mattino seguente, mentre andavo verso la fonte, un corvo scese su di me e comincio a beccare con l’aguzzo rostro la fune che mi univa al mio sasso. Ma la corda era spessa e strettamente intrecciata. Comparve allora un lupo ed io pensai “Finalmente è finita”. Ma ero terrorizzata all’idea dei suoi aguzzi denti che avrebbero strappato le mie carni. Invece, la bestia si avvicinò anch’essa alla fune e cominciò a morderla con forza. Ma il lupo ed il corvo non riuscirono a romperla. Fu così che giunse un grosso topo, di quelli che vivono ai margini dell’accampamento: non aveva paura né del corvo, né del lupo suoi naturali predatori. Insieme continuarono il loro lavoro: il corvo beccava, il lupo addentava ed il topo rodeva. La corda si spezzò.
Allora le mie vesti si lacerarono ed io, tramutata in aquila, spiccai il volo, mi librai in alto fino alla cima dei monti e volai gridando sull’accampamento.
Da allora, ad ogni luna nuova, mi tramuto in aquila e mi innalzo sopra la terra ed il popolo degli uomini.
Ora il mio nome, tradotto nella vostra lingua, è “Colei che vola in alto”.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Musik, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: 8 dicembre del ‘65 (Pubblicato il 08/12/2018 11:16:35 - visite: 263) »

:: 25, Morta che parla (Pubblicato il 25/11/2017 19:39:29 - visite: 507) »

:: #Svegliatitalia (Pubblicato il 23/01/2016 11:52:02 - visite: 893) »

:: Natale in casa Proietti (Pubblicato il 13/12/2015 14:15:13 - visite: 515) »

:: Un amore così grande (Pubblicato il 20/06/2015 02:19:27 - visite: 1099) »

:: Postribolo inverso (Pubblicato il 17/01/2015 15:20:08 - visite: 830) »

:: Il prete. (Pubblicato il 16/11/2014 10:52:32 - visite: 867) »

:: Pasquinata di Natale a Pasquetta (Pubblicato il 21/04/2014 21:43:03 - visite: 1034) »

:: Protomoteca. Effetto notte. (Pubblicato il 06/04/2014 13:46:39 - visite: 961) »

:: y (Pubblicato il 13/03/2014 20:50:19 - visite: 902) »