Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1507 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 15 06:23:25 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Bertgang. Fantasia onirica


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/03/2012 12:00:00

La mattina dopo sotto un cielo
d'azzurro puro un cespuglio
di rose rosse sorrentine
mi spinsero a raccoglierne qualcuna: un gesto
che alleviava la mia mente.
Mi diressi verso Pompei con le rose,
il fermaglio e il quadernetto,
tormentato da mille pensieri e
da una gelosia presente sotto
i più svariati vestimenti. Il sole
quel giorno era impegnato
in una prestazione fuor dell'ordinario
sempre più implacabile... guardavo
le antiche fontane lungo la strada
l'uso continuo che gli assetati di allora
ne avevano fatto per sporgersi
sulla bocchetta di quell'acqua,
ora scomparsa, appoggiavano una mano
sul bordo marmoreo e così
come fanno le gocce che scavano la roccia
questo aveva un po' alla volta
prodotto un'incurvatura sul punto
d'appoggio... Anche la mano
di Gradiva s'era forse appoggiata
su quella minuscola incavatura...


[ Poesia tratta da Bertgang. Fantasia onirica, di Luigi Fontanella, Moretti e Vitali ]



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Piccolo poema di amor circense (Pubblicato il 15/07/2019 12:00:00 - visite: 123) »

:: Deux poèmes (Pubblicato il 08/07/2019 12:00:00 - visite: 211) »

:: Adolescente (Pubblicato il 01/07/2019 12:00:00 - visite: 98) »

:: Ero in una tasca celeste - inediti (Pubblicato il 24/06/2019 12:00:00 - visite: 231) »

:: Lunamajella (Pubblicato il 17/06/2019 12:00:00 - visite: 203) »

:: Scrittura come ciglio (Pubblicato il 10/06/2019 12:00:00 - visite: 203) »

:: El primer hombre - Il primo uomo (Pubblicato il 03/06/2019 12:00:00 - visite: 159) »

:: V come Vincent (Pubblicato il 27/05/2019 12:00:00 - visite: 206) »

:: Midbar (Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00 - visite: 212) »

:: Poesie per mamma Elda (Pubblicato il 13/05/2019 12:00:00 - visite: 250) »