Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1302 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 14:17:53 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

per un cosmo indiziario


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/10/2012 12:00:00

Dove va il mondo

All'universo in dati
il tempo non si dona;

va solitario re ed umile ritorna
scanzonato tra le veloci particelle anfibie
braccate da un'assoluta povertà,
spiccioli dell'essere soltanto,
minimo salario.



Africa okay

Nel centro buio di dogane
in cui danzare ingovernabili si possa

oltre nubi focore tra colpi di grancassa
per l'ascensione rapida sino al quamquam del baccano

soffiate dall'alito nello spazio ammorbidito che rimane
le battute su misura dei vuoti risonanti
oboi a perdere.



Primavera Einstein

Sfuggendo ai raggi nel dettaglio

durante il transito di inclusi arti mimetici
senza toccare nessuna estenzione

bisbigli di clavicole di rose
si evidenziano sulle appena fondate rovine,
mucchi di stelle a piccole dosi.


[ Poesie tratte da per un cosmo indiziario, Gazebo ]



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Parabola di Piero (Pubblicato il 16/09/2019 12:00:00 - visite: 96) »

:: Praticare la notte (Pubblicato il 09/09/2019 12:00:00 - visite: 174) »

:: Flagello di Parigi (Pubblicato il 02/09/2019 12:00:00 - visite: 124) »

:: Ineludibile il dolore (Pubblicato il 26/08/2019 12:00:00 - visite: 123) »

:: La misura del silenzio (Pubblicato il 19/08/2019 12:00:00 - visite: 175) »

:: Incroci obbligati (Pubblicato il 12/08/2019 12:00:00 - visite: 177) »

:: Ha appena finito il libro (Pubblicato il 05/08/2019 12:00:00 - visite: 186) »

:: Lettera dal mare (Pubblicato il 29/07/2019 12:00:00 - visite: 398) »

:: Il guscio delle cose (Pubblicato il 22/07/2019 12:00:00 - visite: 144) »

:: Piccolo poema di amor circense (Pubblicato il 15/07/2019 12:00:00 - visite: 176) »