Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 896 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 10 11:16:06 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Queste urla

di Giorgio Bagnati
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/08/2012 10:48:33

Da una finestra chiusa
do' uno sguardo sul mondo
e mi sembra vuoto senza lei.
Ricordo all'improvviso
un dolcissimo suono di campane
due sposi felici
si guardano negli occhi
e si scoprono crudeli assassini
di quel bimbo che
neppure tu, hai voluto !
Il frutto del nostro amore
il peccato di una notte, ora,
non esiste piu'
non potra' piu' vedere coi tuoi occhi,
parlarti, toccarti,
e' solo fetida carne
un'immagine di morte
che scende quel fiume.
E' una barca che s'allontana
a vele spiegate,
un viso che urla
la sua disperazione,
e queste urla mi penetrano il cervello
mi straziano il cuore.
Se potessi ancora vederlo,
toccarlo
lo amerei, forse
ancora di piu' ...
di quanto lo amo ora.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Bagnati, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Bagnati, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vorrei (Pubblicato il 27/08/2012 10:46:31 - visite: 1005) »

:: Il tuo viso (Pubblicato il 27/08/2012 10:44:43 - visite: 688) »

:: Un pizzico di follia 09/08/86 (Pubblicato il 27/08/2012 10:42:06 - visite: 584) »