Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 953 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue May 14 18:39:31 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Invettiva a Venezia

di Maria Teresa Morini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/09/2012 00:15:57

Ho provato molte volte a scrivere di te
come fossi l'angiporto di Padova est
magari con gli stessi colori di bassa periferia milanese
immedesimati dalle case popolari di Novara,
case anonime ovunque alle cicatrici dei centri storici.

Maledizione! Persino il tuo odore di urina
nei cantoni isolati riusciva a confondersi
con strane trame di fiori
che non vedevo da dietro i muri della canonica.

Anche nella parte più bassa e bieca
non c'è posto abbastanza sordido, barca davvero sfondata
o edificio sbarrato che non coli malinconia.
Persino dallo sfacelo tu risorgi.
E galleggi come zattera costruita da deliranti architetti
che dai marmi salivano ad onorarti al sole.

Ho provato molte volte a scrivere di te
come fossi la stracca carne di un porto
il peggio del peggio, volevo dire
e non mi è mai riuscito.
La vista del bacino tuo offerto al mare,
San Marco al gioire di ogni vento
tra gli alti tigli di sant' Elena, fusti opulenti
ondivaghi e profumati di passanti
allargava in me ogni sorriso.

Non c'è bellezza maledetta...
Soltanto bellezza.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Teresa Morini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: gioiosamente sotto gli aranceti (Pubblicato il 28/10/2012 19:38:34 - visite: 902) »

:: Gioiosamente sotto gli aranceti (Pubblicato il 07/10/2012 19:23:55 - visite: 885) »

:: Nella mia casa (Pubblicato il 27/09/2012 00:06:09 - visite: 820) »

:: Alla marina oggi catamarani fendono le scie (Pubblicato il 21/06/2012 08:23:23 - visite: 708) »

:: catamarani fendono scie (Pubblicato il 16/06/2012 22:26:44 - visite: 688) »

:: Brevi pensieri veneziani (Pubblicato il 07/06/2012 13:42:29 - visite: 861) »

:: Non è ancora la mancanza di te (Pubblicato il 03/06/2012 13:19:58 - visite: 971) »

:: Cose bellissime ovvero poesia povera (Pubblicato il 01/06/2012 19:50:42 - visite: 939) »

:: Immagini a Venezia (Pubblicato il 30/05/2012 10:50:34 - visite: 785) »

:: Estate ai binari (Pubblicato il 29/05/2012 08:43:53 - visite: 976) »